ESPLOSIONE BEIRUT / PER IL GENERALE FRANCO ANGIONI NON E’ STATO ATTO TERRORISTICO

Roma, 07 ago 2020 – Il generale Franco Angioni, comandante del contingente militare italiano della Forza Multinazionale in Libano tra il 1982 e il 1984, commenta così all’agenzia di stampa Adnkronos la terribile esplosione di Beirut:

“Non ci sono motivi di carattere politico o peggio ancora terroristico, almeno in questo caso, fermo restando che in Libano la presunzione di colpevolezza deve essere sempre presente”. Per i militari italiani impegnati nella missione Onu Unifil, “godono di ottima stima, sanno comportarsi nella maniera più adeguata in un Paese difficile come il Libano. Sono molto apprezzati e ammirati. La loro presenza sul territorio è necessaria per mantenere sotto controllo la tensione nel Mediterraneo, in Medio Oriente, per dare una mano al popolo libanese”.

Cerca nel sito

Resta in contatto con noi. Ricevi le news del sito sul tuo smartphone in tempo reale. Scarica da Play Store l'app TELEGRAM, cerca il canale "Forzearmateeu" e unisciti. Siamo oltre 5.000 - Unisciti ai nostri Gruppi/Chat su TELEGRAM, cerca "Militari e Forze di Polizia" e "Graduati Forze Armate" - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.