ESPLOSIONE BEIRUT / PER IL GENERALE FRANCO ANGIONI NON E’ STATO ATTO TERRORISTICO

Roma, 07 ago 2020 – Il generale Franco Angioni, comandante del contingente militare italiano della Forza Multinazionale in Libano tra il 1982 e il 1984, commenta così all’agenzia di stampa Adnkronos la terribile esplosione di Beirut:

“Non ci sono motivi di carattere politico o peggio ancora terroristico, almeno in questo caso, fermo restando che in Libano la presunzione di colpevolezza deve essere sempre presente”. Per i militari italiani impegnati nella missione Onu Unifil, “godono di ottima stima, sanno comportarsi nella maniera più adeguata in un Paese difficile come il Libano. Sono molto apprezzati e ammirati. La loro presenza sul territorio è necessaria per mantenere sotto controllo la tensione nel Mediterraneo, in Medio Oriente, per dare una mano al popolo libanese”.

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.