INIZIA IL PROCESSO. Contrabbando di sigarette dalla Libia sulle navi della Marina: quattro militari a processo

Roma, 30 ago 2020 – DA IL FATTOQUOTIDIANO.IT. Per gli imputati l’accusa è di aver detenuto, trasportato e introdotto illegalmente in Italia ben 690 chilogrammi di tabacco, destinato alla vendita ad altri militari. Un punto aggravato dal fatto che le bionde erano state trasportate a bordo della nave militare Caprera impegnata tra marzo e luglio 2018 nelle acque libiche come supporto alla guardia costiera locale con l’operazione “Mare Sicuro”. Inizierà il prossimo 5 ottobre il processo nei confronti di Marco Corbisiero, ufficiale della Marina militare finito in carcere lo scorso 11 maggio con l’accusa di aver trafficato sigarette di contrabbando dalla Libia all’Italia sulle navi della Marina militare. I pubblici ministeri Giuseppe De Nozza e Alfredo Manco hanno chiesto e ottenuto il giudizio immediato per Corbisiero e altri 3 imputati: si tratta di Roberto Castiglione, Antonio Filogamo e Antonio Mosca. Per i quattro militari l’accusa è di aver detenuto, trasportato e introdotto in Italia ben 690 chilogrammi di sigarette di contrabbando, destinate alla vendita ad altri militari. Un punto aggravato dal fatto che le bionde erano state trasportate dalla Libia a bordo della nave militare Caprera impegnata tra marzo e luglio 2018 nelle acque libiche come supporto alla guardia costiera locale con l’operazione “Mare Sicuro”. E nella vicenda, sebbene mai rintracciato dalle autorità italiane, c’è anche il maggiore della guardia costiera libica Hamza Ben Abulad. L’articolo completo continua qui >>>

 

Cerca nel sito

Resta in contatto con noi. Ricevi le news del sito sul tuo smartphone in tempo reale. Scarica da Play Store l'app TELEGRAM, cerca il canale "Forzearmateeu" e unisciti. Siamo oltre 5.000 - Unisciti ai nostri Gruppi/Chat su TELEGRAM, cerca "Militari e Forze di Polizia" e "Graduati Forze Armate" - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.