SOTTOCAPO DELLA MARINA SABOTO’ NAVE GORGOGNA, RISCHIA DA 8 A 24 ANNI DI RECLUSIONE

Roma, 17 nov 2020 –  Davanti al Tribunale di Verona è iniziato il processo a un militare accusato di aver sabotato una nave della Marina, la Gorgona, con l’obiettivo di non partire per una missione nel Mediterraneo. I fatti risalgono a gennaio 2019.

L’imputato, un sottocapo di terza classe della Marina, dovrà difendersi dall’accusa di distruzione o sabotaggio di opere militari pluriaggravata. Svolgeva le mansioni di motorista. Il dibattimento  al Tribunale Militare del capoluogo è stato aggiornato al gennaio dell’anno prossimo.

Secondo l’accusa, la nave avrebbe subito un danno di oltre 30.000 euro, ed è stata costretta a rimanere ferma nell’Arsenale di La Spezia per circa 5 mesi, con il conseguente annullamento delle operazioni militari programmate.

Il militare, secondo l’accusa, si sarebbe introdotto nella sala macchine e, dopo aver sollevato una griglia calpestabile e averne messo fuori uso i fissaggi, avrebbe aperto il portello di ispezione centrale del «riduttore di dritta» gettando all’interno perni, bulloni e altri pezzi metallici. Per il reato di sabotaggio  la pena va da 8 a 24 anni di reclusione.

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.