LE ASPETTATIVE ECONOMICHE SUL RINNOVO DEL CONTRATTO DI LAVORO / Il beneficio mensile medio lordo a regime pro-capite e’ pari a 121,34 euro (Conteggi fatti con le attuali risorse finanziarie stanziate). A FONDO PAGINA: il resoconto del Sindacato di Polizia Silp-Cgil sull’incontro avuto con una compagine politica attualmente forza di Governo.

Roma, 28 nov 2020 – IN PERIODO DI CRISI PANDEMICA E SOPRATTUTTO ECONOMICA, LA CIFRA DI 121,34 EURO MENSILI NON SAREBBE PER NULLA MALE, ANCHE PERCHE’ IN LINEA CON IL PRECEDENTE RINNOVO ECONOMICO 2016/18. Ma allora sara’ proprio cosi’? E gli stipendi piu’ bassi saranno giustamente rivalutati? Perche’ il pro-capite lascia sempre il tempo che trova sui conti degli stipendi al minimo, piu’ bassi! Si spera poi che il rinnovo arrivi al piu’ presto, anche perche’ nel 2021 questo contratto triennale (2019/21) che ancora non c’e’, sara’ gia’ in scadenza al 31.12.2021.

Compito dei rappresentanti sindacali di ogni ordine e grado e’ quindi quello di battersi in ogni sede per arrivare al piu’ presto a questo lungo rinnovo e pretendere aumenti degni di donne e uomini che indossano una divisa, al servizio del Paese e dei Cittadini.

Fra le varie cose andrebbe anche rivisto l’assegno dell’indennita’ operativa ormai fermo da decenni. Rivedere anche l’assegno di funzione, anche alla luce dell’ultima riforma delle carriere e dei gradi.

E poi pretendere che gli aumenti stipendiali contrattuali a regime partano dal 1° gennaio 2019, e non coprire il 2019 e il 2020 con la sola indennita’ di vacanza contrattuale che gia’ percepiamo in busta paga del valore di una decina di euro circa e lorde!!! Quindi si pretenda un aumento vero e arretrati economici veri dal 1.1.2019, perche’ e’ da li che il personale e’ fermo ed e’ da li che lavora a pieno ritmo!


ORA DIAMO CONOSCENZA DEL RESOCONTO DELL’INCONTRO DEL SINDACATO DI POLIZIA SILP-CGIL CON UNA COMPONENTE POLITICA ATTUALMENTE AL GOVERNO.

Contratto, assunzioni e risorse: il SILP CGIL incontra il PD

Il Silp Cgil ha incontrato, assieme ad altri sindacati, una delegazione del Pd guidata dagli onorevoli Emanuele Fiano e Carmelo Miceli. Per il nostro sindacato ha partecipato il Segretario Generale Daniele Tissone. Sulla base delle risorse attualmente a disposizione per il Contratto di lavoro, è emerso che il beneficio mensile medio lordo a regime procapite è per la Polizia di Stato pari a 121,34 euro.

Una cifra che non ci accontenta, ma che risulta in ogni caso superiore all’incremento dell’ultimo Contratto. Nella prossima Legge di Bilancio dovrebbero essere disponibili ulteriori 50 milioni che, lo abbiamo chiesto con nettezza, devono andare sulla specificità e in particolare sulle accessorie.

Il Silp Cgil ha inoltre spiegato come l’ora di straordinario tra 2001 e 2018 sia aumentata appena di un centesimo di euro rispetto all’ora ordinaria oltre al fatto che si è certamente abusato di questo istituto in ragione della carenza di organico: una autentica anomalia nel pubblico impiego. Sempre sul Contratto abbiamo chiesto un impegno concreto sulla parte normativa, ferma da troppi anni, e una complessiva attenzione su tutta la partita contrattuale che deve ristorare sia la parte non dirigente che quella dirigente in modo adeguato.

Ribadita anche la nostra posizione sulle assunzioni, che dopo 20 anni di blocco del turn over rappresentano una necessità vitale per la nostra Amministrazione e sull’avvio della previdenza complementare. Col Pd, come importante forza di governo, si è sostanzialmente aperto un tavolo di confronto. Seguiranno ulteriori incontri. (Dal portale Silp-Cgil).

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

One thought on “LE ASPETTATIVE ECONOMICHE SUL RINNOVO DEL CONTRATTO DI LAVORO / Il beneficio mensile medio lordo a regime pro-capite e’ pari a 121,34 euro (Conteggi fatti con le attuali risorse finanziarie stanziate). A FONDO PAGINA: il resoconto del Sindacato di Polizia Silp-Cgil sull’incontro avuto con una compagine politica attualmente forza di Governo.”

  1. Il contratto da biennale 2009 é passato a triennale ma viene pagato a sessennale 3+3 e con questo dal suddetto anno, al momento é stato elargito un solo contratto per via di un ricorso vinto nel 2015 e manca anche la coda contrattuale. Dal 2009 ad oggi per varie crisi economiche, pestilenze e altro lo stipendio del solo personale di base si é impoverito notevolmente, mentre gli altri non hanno avuto ostacoli dirigenti e politici…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.