Irruzione nella caserma dei carabinieri per liberare il “compare” accade nel Bolognese

Roma, 29 dic 2020 – Per liberare il compare, hanno fatto irruzione nella caserma dei carabinieri e hanno aggredito i militari. Quattro romeni sono finiti in manette l’altra notte, per resistenza, minacce e lesioni a pubblico ufficiale, quando i militari della stazione di Castello di Serravalle, anche grazie all’arrivo dei rinforzi, sono riusciti finalmente a bloccarli.

Tutto è iniziato poco dopo la mezzanotte, durante i controlli anti-Covid da parte dei militari. Mentre i carabinieri si accingevano a entrare nella stazione con il fermato, sono arrivati i suoi tre amici. Avevano intenzione di liberare l’amico e per farlo si sono avventati contro i carabinieri, prendendoli a calci e pugni. Erano superiori di numero e i militari sono rimasti feriti nella colluttazione.

CONTINUA A LEGGERE>>>>>

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

11 thoughts on “Irruzione nella caserma dei carabinieri per liberare il “compare” accade nel Bolognese”

  1. Ora, a questi quattro “gentiluomini”, lo Stato italiano darà a ognuno di loro:
    la casa
    un sussidio
    nessun lavoro
    la libertà di fare ciò che vogliono
    la pensione

  2. Sparare. Legittima difesa, basta con questa gentaglia di merda in Italia a fare quello che vogliono, il Vaticano si faccia gli affari suoi come fanno con le loro porcherie interne. Basta a gran voce

  3. Essere così vunerabili in caserma, figuriamoci nelle nostre case dove dobbiamo andare a finire di questo passo, perché questi soggetti non vengono puniti a dovere

  4. Dobbiamo tutelare molto di più questi ragazzi in divisa che rischiano la loro vita contro questa pletora di barbari arrivati da tutto il mondo

  5. Dalla caserma dovevano uscire con la sedia a rotelle… Come minimo poi dare pensione di invalidità le gli spetta

  6. Se lo Stato permette attacchi a una “Caserma” dei Carabinieri, figuriamoci se questi tipi malavitosi cosa possono fare a presso gli inquilini di abitazioni private. Un Stato assente che non prende provvedimenti seri é la vittoria della criminalità.

  7. L’ utilizzo della pistola elettrica, risolveva subito la discussione, senza che nessuno si faceva del male.
    Ma la proposta è stata bloccata da quei politici super protetti.

  8. Con questa ‘c…o” di sinistra non si va da nessuna parte: Gialli, rossi verdi, blu, la legge ‘dovrebbe’ essere uguale per tutti. Io Carabiniere come avrei agito?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.