MORTI IN SERVIZIO PER LA NAZIONE, MA MOLTI “TERGIVERSANO” / «Negata l’intitolazione alle vittime di Nassiriya», la rabbia del centrodestra pesarese

Roma, 9 gen 2021 – SIAMO ITALIANO SOLO QUANDO CI GIRA BENE? Penso che in un Paese normale sia normale intitolare una via a chi e’ stato ucciso in servizio per lo Stato. Senza se e senza ma! Se non si trova una strada gli si intesta una piazza, o un viale, p un vicolo, o un porticato. Indipendentemente da quale area politica lo chiede. Si fa e basta. Senza esitare.Tutti noi siamo al servizio della nazione, ma non pensiamo che questo piace a tutti. Anzi! E’ giusto saperlo.

Questo che segue e’ la cronaca di quello che e’ successo a Pesaro, raccontata dal portale web primocomunicazione.it, clicca qui >>> 

.

.

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

One thought on “MORTI IN SERVIZIO PER LA NAZIONE, MA MOLTI “TERGIVERSANO” / «Negata l’intitolazione alle vittime di Nassiriya», la rabbia del centrodestra pesarese”

  1. Se fosse stato per regeni o per la rakete, il ridicolo e sedicente democratico sindaco pesarese, avrebbe fatto carte false! Tipico del PD come tipica la vigliaccheria dei M5S…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.