CARABINIERI / Sindacato Militari: “L’impiego del personale non compete al Cocer Carabinieri”

Roma, 16 gen 2021 – da AffariItaliani.it – “Nonostante i chiarissimi contenuti della sentenza della Corte costituzione n. 120/2018, ormai tristemente famosa per essere stata sistematicamente ignorata dal legislatore e dai vertici militari, ai sindacati militari, in particolare al Sindacato dei Militari, viene continuamente negata la possibilità di svolgere ogni attività sindacale o di confronto con il personale militare rappresentato”. Lo dichiara Luca Marco Comellini, Segretario Generale del Sindacato dei Militari.

“Quanto sta accadendo da ormai più di due anni è inaccettabile soprattutto mentre ai delegati del Cocer, Sez. Carabinieri, sembra essere permesso di violare impunemente le disposizioni di legge e regolamento che ne disciplinano rigorosamente lo svolgimento dell’attività di servizio” prosegue Comellini. “Da fonti di stampa abbiamo appreso che l’altro ieri, 13 gennaio, il Cocer Sez. Carabinieri ha diramato un singolare quanto sgrammaticato comunicato stampa, lamentando il mancato coinvolgimento da parte del Comandante Generale dell’Arma, Generale Giovanni Nistri, nelle procedure dei trasferimenti annuali GE.TRA. 2021 sebbene dalle competenze dell’organo centrale di rappresentanza, come recita espressamente l’articolo 1478 del decreto legislativo 66/2010, siano rigorosamente escluse le materie concernenti l’ordinamento, l’addestramento, le operazioni, il settore logistico-operativo, il rapporto gerarchico-funzionale e l’impiego del personale”. L’articolo completo continua su AFFARI ITALIANI.IT, clicca qui >>>

.

.

 

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

One thought on “CARABINIERI / Sindacato Militari: “L’impiego del personale non compete al Cocer Carabinieri””

  1. piuttosto che farsi la guerra fra loro, sarebbe bene che sindacati e cocer lavorassero uniti per il bene dei carabinieri che rappresentano…… o che dovrebbero rappresentare….in un momento fondamentale per l’istituzione che vede, finalmente, il cambio del vertice, momento in cui vi sono importantissime questioni da portare con urgenza all’attenzione del nuovo comandante generale (fra tutte l’assurda circolare riguardante le permanenze dei comandanti di stazione), appare stucchevole ed assurda la polemica sulle competenze di questo o di quell’ organismo di rappresentanza……. SOLO uniti si vince e si ottengono risultati!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.