FORZE DI POLIZIA – “Vogliamo essere tutelati dateci le bodycam” ma il governo ha risposto picche

Roma, 29 gen 2021 –  Andrea Cecchini, numero uno di Italia Celere al ilgiornale.it  “le bodycam sono necessarie per tutti gli equipaggi, per tutti i tipi di intervento e h24, altrimenti non riusciamo a tutelarci.

Le telecamere non sono un vantaggio solo per il poliziotto, ma costituiscono la vera certezza della pena, in quanto permettono di stabilire in maniera inconfutabile chi sbaglia, se il poliziotto o il soggetto sottoposto a controllo.

Nel caso degli agenti dei Reparti Mobili – continua Cecchini – abbiamo le bodycam ma non possiamo attivarle per tutta la durata del servizio, ovvero ciò che noi invece chiediamo, insieme alla presenza di un magistrato con noi in strada, durante i grandi eventi.

Non vogliamo essere favoriti, chiediamo solo rispetto, tutele e legalità, ma il governo risponde alle nostre richieste con una legge sul reato di tortura, dove anche solo un’occhiataccia, se pensiamo alla tortura psicologica, può farci finire alla sbarra e se non finiamo alla sbarra, finiamo sotto terra”, mentre sulla questione degli identificativi, chiosa: “Non serve un numero su un casco per avere un colpevole.

Se il poliziotto commette un errore o un abuso, deve indubbiamente pagare. La certezza di ciò può darcela solo una bodycam. Se decideranno di dotarci di telecamere, allora potrei accettare anche un identificativo, ma senza di queste i numeretti non servono…..

CONTINUA A LEGGERE IL GIORNALE.IT>>>>>

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.