ECCO LA LISTA DEI NUOVI MINISTRI DEL NUOVO GOVERNO GUIDATO DA DRAGHI. Poi c’e’ il Ritorno di Renato BRUNETTA come Ministro. Ma vediamo questa e le altre novita’.

Roma,  12 feb  2021 – FORTUNATAMENTE NESSUN  GENERALE ALLA DIFESA, COME SEMBRAVA DALLE INDISCREZIONI GIORNALISTICHE DI IERI. COME MINISTRO DELLA DIFESA RIMANE LORENZO GUERINI. AL MINISTERO DELL’INTERNO CONFERMATA LAMORGESE. Una novita’ invece la troviamo al Ministero della Funzione Pubblica, che riguarda il personale statale e i militari. Si tratta di Renato BRUNETTA. Per lui si tratta di un ritorno alla Funzione Pubblica come Ministro. Di lui si ricorda la riforma della “Pubblica Amministrazione”, vedi qui >>>

Non appena sara’ nominato Ministro dovra’ impegnarsi per i rinnovi contrattuali dei Militari e Statali. SI TRATTA DI CIRCA 500.000 UOMINI E DONNE DEI COMPARTI DIFESA, SICUREZZA E SOCCORSO PUBBLICO, NONCHE’ DI 3.000.000 DI ALTRI LAVORATORI STATALI CHE ATTENDONO TUTTI IL RINNOVO DEL CONTRATTO SCADUTO ORMAI DAL 1.1.2019.

Renato Brunetta è politico, economista e accademico italiano, ed anche lui in precedenza era un “dipendente dello Stato” assunto come Professore, presso varie Universita’ Italiane. (Vedi qui >>>). Durante il precedente incarico fu inflessibile giustamente con i furbetti del cartellino e con i cosi’ detti statali fannulloni.

 

Lista completa dei ministri:
1. Presidente del Consiglio dei Ministri: Mario Draghi
2. Ministro per i rapporti col Parlamento: Federico D’Incà (M5S)
3. Ministro dell’innovazione tecnologica e della transizione digitale: Vittorio Colao
4. Ministro per la pubblica amministrazione: Renato Brunetta (FI)
5. Ministro per affari generali e autonomie: Maria Stella Gelmini (FI)
6. Ministro per il sud e la coesione territoriale: Mara Carfagna (FI)
7. Ministro delle Politiche giovanili: Fabiana Dadone (M5S)
8. Ministro delle pari opportunità e della famiglia: Elena Bonetti (IV)
9 Ministro delle Disabilità: Erika Stefani (Lega)
10. Ministro del turismo: Massimo Garavaglia (Lega)
11. Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale: Luigi Di Maio (M5S)
12. Ministro dell’interno: Luciana Lamorgese
13. Ministro della giustizia: Marta Cartabia
14. Ministro della difesa: Lorenzo Guerini (PD)
15. Ministro dell’economia e delle finanze: Daniele Franco
16. Ministro dello sviluppo economico: Giancarlo Giorgetti (Lega)
17. Ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali: Stefano Patuanelli (M5S)
18. Ministro per la transizione ecologica: Roberto Cingolani
19. Ministro delle infrastrutture e dei trasporti: Enrico Giovannini
20. Ministro del lavoro e delle politiche sociali: Andrea Orlando (PD)
21. Ministro dell’istruzione: Patrizio Bianchi

.

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

3 thoughts on “ECCO LA LISTA DEI NUOVI MINISTRI DEL NUOVO GOVERNO GUIDATO DA DRAGHI. Poi c’e’ il Ritorno di Renato BRUNETTA come Ministro. Ma vediamo questa e le altre novita’.”

  1. Il ritorno al passato infatti dal 2009 stesso ministero stesso ministro diete pochi spiccioli di contratto e dopo avvenne il blocco totale per oltre 10 anni che ha partorito solo un miserevole contratto frutto di un ricorso vinto. Vediamo adesso di non avere lo stesso trattamento di allora…

  2. Infatti le FF AA della Difesa. devono essere scorporate dalla Pubblica Amministrazione e il contratto deve essere fatto dal Ministero della Difesa, Non mescoliamo la cioccolata con la M…

  3. Una volta era più o me così come pure le pensione, poi con l’avvento di Dini e Amato hanno stravolte le pensioni e i contratti sono passati sotto la pubblica amministrazione , hanno fatto un casino, poi dopo si sono resi conto che vi é un abisso fra un impiegato statale e un militare, il primo per dirla in breve santifica le feste non viene impiegato in teatro di guerra all’estero, non hanno turnazioni massacranti, stanno al calduccio in inverno e al fresco in estate, non rischiano la vita in mezzo alla strada, al massimo possono prendere un raffreddore e considerato ciò, si sono inventato la famosa “specificità”, ma solo sulla carta, anzi a volte si riversa anche contro al personale in divisa perché non viene considerata, vedi tanti processi nei confronti delle forze dell’ordine per aver svolto il loro lavoro. tutto qui…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.