DRAGHI con Brunetta per una “rivoluzione” nella Pubblica Amministrazione? Si ma prima passare dalla revisione degli stipendi e dal trattamento pensionistico. (NOSTRO APPROFONDIMENTO).

Roma, 20 feb 2021 – SI PARLA DI DIGITALIZZAZIONE, EFFICIENZA, ASSUNZIONI, SPRECHI. Tutte cose condivisibili, certo, che se ne parla da tantissimi anni senza mai riuscirci in toto. Ben vengano i miglioramenti sia per chi ci lavora e soprattutto per i cittadini e imprese. Ma siamo sicuri che una riforma del genere non deve passare prima da alcuni problemi irrisolti?
.

  1. Nuove assunzioni, piu’ giovani e connessi, di cui parla Draghi.
    Effettuare le nuove assunzioni ma nel contempo avviare un pensionamento del personale piu’ anziano, meno propenso alla connessione e meno digitalizzato dei giovani: per i dipendenti civili dai 60 anni in su. Per i militari, poliziotti e vigili del fuoco dai 55 anni in su. Attualmente chi ha maturato i minimi diritti per la pensione viene penalizzato e tanti ancora rimangono in servizio per maturare qualcosa prima dei limiti pensionistici ordinamentali. Quindi senza veri incentivi il personale anziano non se ne va.
    .
  2. Produttivita’, efficienza, soddisfazione DEVONO passare per una revisione al rialzo degli attuali stipendi.
    Senza un migliore trattamento economico la disponibilita’ del personale e’ al minimo sindacale. Non si puo’ solo puntare sull’efficienza e produttivita’, ricordando al personale il solo beneficio del posto fisso. Quindi con migliori stipendi si puo’ anche chiedere di piu’ al personale, rendendolo soddisfatto e felice di lavorare in un ambiente che lo premia. Una serenita’ che se non si ripercuote anche nella vita privata non trova miglioramenti sul lavoro. Poi superare il confronto stipendiale con gli ambienti privati: se sono pagati male non vediamo perche’ pagare male anche gli statali. Dare stipendi medi europei, su un paniere di tutti gli stati membri, e per ogni tipologia di impiego pagare le persone.
    Prevista la formazione di una nuova classe dirigente. Senza persone che lavorano soddisfatte in tutto non c’e’ Dirigente che tenga. Per ogni buon Dirigente che fa carriera vuol dire che e’ circondato da buoni collaboratori contrattualizzati. (Provare per credere).
    .

    Mario Draghi. Presidente del Consiglio dei ministri della Repubblica Italiana

    Ora vi lasciamo alla lettura dell’articolo che ha ispirato queste nostre considerazioni:
    Draghi rivoluziona gli statali. Ecco il piano per la pubblica amministrazione.

    DAL GIORNALE IL TEMPO. Statali più connessi e più giovani. Dirigenti più tutelati quando firmano i provvedimenti amministrativi e tecnologia per processare le informazioni. Non solo quelle rese all’esterno, e cioè agli utenti, ma anche quelle usate per le decisioni dall’amministrazione. La pubblica amministrazione targata Draghi, che ieri il premier ha delineato nel corso del suo intervento alla Corte dei Conti, parte da questi presupposti. Questo l’articolo de IlTempo.it lo puoi leggere qui >>>
    .

    COMMENTA L’ARGOMENTO. SEGUI LA FRECCIA.
    Anche la tua opinione e’ molto importante.

    .

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.