«È l’amante di mia moglie» non ci sono le prove, ma il carabiniere viene trasferito

Roma, 15 mar 2021 – Tutto prende il via  con un esposto del marito di lei giunto in caserma: segnala la relazione extraconiugale e si dice vittima di atteggiamenti intimidatori da parte del militare.

L’Arma dei Carabinieri avvia una istruttoria e mentre l’autore dell’esposto conferma le sue accuse, le verifiche fatte dall’amministrazione «non hanno escluso l’effettiva relazione tra il militare e la signora o perlomeno l’esistenza di un comportamento estremamente confidenziale tra i due».

Il paese è piccolo, la gente mormora, e pur non essendoci nulla che possa portare a parlare di un rapporto extraconiugale conclamato (cosa che in generale appare assai difficile poter certificare) le voci non vanno tanto per il sottile.

Fatto sta che tre anni e mezzo dopo quell’esposto arriva un provvedimento di trasferimento.

Per l’amministrazione è «emersa una situazione di incompatibilità ambientale in quel paese tale da condizionare la serenità e l’imparzialità nello svolgimento dei compiti da parte del militare interessato, poiché risulta sia venuto a conoscenza dell’intera vicenda», si giudica «preminente l’interesse di salvaguardare il prestigio e l’immagine dell’Arma e dello stesso militare, il quale si ritiene che non possa più svolgere servizio in quella località con la necessaria autorevolezza, credibilità e serenità d’animo» e per di più «il Comandante della Compagnia……

CONTINUA A LEGGERE SU GAZZETTADELMEZZOGIORNO.IT>>>>>

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.