CARABINIERI: PROCESSO “PIACENZA LEVANTE”

Roma, 13 apr 2021 – ll processo cosiddetto “Piacenza Levante”, dove il Nuovo Sindacato Carabinieri si è costituito parte civile, sta entrando nelle fasi finali. Ieri nella requisitoria il Pubblico Ministero ha posto l’accento su quella che è stata definita “la follia dei numeri” ossia “l’ossessione spasmodica da parte di alcuni vertici per gli arresti che non servivano per migliorare la sicurezza ma derivavano da una rivalità con i carabinieri della compagnia di Bobbio e per snocciolare numeri, statistiche e attività sia nelle conferenze stampa sia nelle varie ricorrenze. Una deriva che ha fatto perdere l’obiettivitá.”

Caserma Levante Piacenza

Ancora una volta e a maggior ragione ci chiediamo quale fosse il rapporto che c’era tra la pressante richiesta di numeri statistici dell’attività operativa da parte della scala gerarchica piacentina , e la possibilità che potevano avere le “mele sane” di ribellarsi al sistema e respingere le pressioni. Il 26 aprile sarò a Piacenza con il nostro Avvocato di parte civile Maria Grazia Russo ad assistere alla parte finale della requisitoria.

Massimiliano Zetti, Nuovo Sindacato Carabinieri


ARGOMENTO CORRELATO

«Servitori dello Stato accecati dall’arroganza di chi si crede al di sopra delle regole»

Processo Levante. Altra udienza del processo per i cinque carabinieri che hanno scelto il rito abbreviato. Il 12 aprile la requisitoria del pm Antonio Colonna è durata più di sei ore ed è iniziata citando la strage di via D’Amelio. Il 26 aprile parlerà il sostituto procuratore Matteo Centini. CONTINUA QUI >>>

.

 

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.