SINDACATO ITAMIL ESERCITO: Mancata valorizzazione dei militari, il segretario Foti: “A questo punto, meglio tornare alla leva”.

Roma, 21 apr 2021 – Scatta la denuncia del Segretario Generale del Sindacato Militare “ITAMIL -Esercito”, Girolamo Foti. Il segretario, ancora una volta, denuncia attraverso una “lettera aperta” la situazione di disagio e malcontento che vivono i militari, i quali – stando a quanto afferma – non verrebbero valorizzati professionalmente e ridicolizzati persino sul web. Di fronte a ciò, si pubblica di seguito la “denuncia” di Foti.

LA LETTERA.
Ci risiamo. Abbiamo subito il nuovo modello difesa 244, che di fatto ha ridimensionato il nostro esercito da un modello professionale di 190 mila soldati a 100 mila soldati attuali.

Da un lato abbiamo l’invecchiamento del personale militare, dall’altra parte crescono gli impegni ma si riducono le aspettative professionali dei militari. Spesso, diversi colleghi mi chiamano esponendo i loro disagi, poiché impiegati in operazioni che svolgono il proprio servizio in edifici fatiscenti. Dinanzi a ciò, mi sono posto alcuni interrogativi del tipo: come vengono spesi i soldi per il mantenimento delle infrastrutture?

Sono scarsi i fondi destinati alle infrastrutture? Oppure c’è una sottile leggerezza di coloro che hanno la responsabilità nel gestirli? Certamente, a questi interrogativi non sono in grado di dare delle risposte, ma resta di fatto il malcontento del personale che rappresentiamo come organizzazione sindacale.

Come se non bastasse tutto questo, da qualche giorno, circola un video sui social con la voce di una signora che ironicamente si prende gioco di alcuni militari che spazzavano su marciapiedi pubblici davanti la propria caserma. Siamo proprio alla frutta! L’approfondimento continua sul portale di ITAMI, clicca qui >>>

.

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.