Afghanistan, inizia un’altra sfida (logistica). Il ritiro secondo Bertolini

Roma, 6 mag 2021 – Il ritiro non sarà facile. Il trasporto multimodale (aereo-navale) sarà indispensabile per estrarre poco più di 800 uomini e un migliaio abbondante di metri lineari di mezzi da Herat e Kabul. Si dovrà mantenere operativa una adeguata aliquota da dedicare unicamente a contrastare eventuali colpi di coda avversari. L’analisi del gen. Marco Bertolini, già comandante del Coi, primo italiano ad aver ricoperto il ruolo di capo di Stato maggiore di Isaf in Afghanistan
 
Quella che si concluderà a breve, in Afghanistan, è un’operazione che verrà ricordata a lungo per la sua durata ventennale, per il taglio decisamente operativo e per la lontananza dalla madrepatria, alla quale non eravamo abituati in questo dopoguerra (con la notevole eccezione della Somalia).

In particolare, il rientro delle nostre unità si concretizzerà in un complesso di attività logistiche nelle quali verranno messe a dura prova le nostre capacità di trasporto, per ritirare il nostro contingente senza far scadere la sicurezza in una fase nella quale lo stesso si assottiglierà progressivamente. Il trasporto multimodale (aereo-navale) sarà indispensabile per estrarre, da un Paese che non ha sbocchi al mare né linee ferroviarie, i nostri mezzi fino alla base intermedia negli Emirati…..

CONTINUA A LEGGERE FORMICHE.NET>>>>>

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.