Aeronautica Militare: I bambini hanno diritto ad una famiglia? Anche se sono figli di militari dell’Aeronautica?

Roma, 10 mag 2021 – Il SIULM Comparto Aeronautica, con un articolo dello scorso 11 Febbraio[1], era già intervenuto sul tema della tutela della genitorialità, secondo quanto previsto dall’articolo 42 bis del Decreto Legislativo n. 151 del 2001. La scrivente Organizzazione Sindacale vuole ritornare sul tema per effettuare ulteriori considerazioni in merito, alla luce dell’aumentare dei casi di rigetto delle richieste di assegnazione temporanea avanzate dai padri militari, segnalati anche dai propri iscritti.

Dalla nascita della norma in questione, cioè dall’anno 2001, e dall’introduzione del precitato articolo, avvenuta nell’anno 2003 con la Legge n. 350 del 24 Dicembre 2003, molte cose sono cambiate. Le Forze Armate hanno subito un importante processo di ristrutturazione e razionalizzazione, che ha comportato la chiusura di molti Enti, il cui Personale è stato trasferito presso le altre strutture rimanenti, e la revisione delle piante organiche del Personale in chiave riduttiva, anche per soddisfare il modello di Difesa disegnato dalla Legge 244 del 2012.

Quanto sopra descritto ha comportato una netta e sostanziale riduzione delle vacanze organiche nella maggioranza delle Basi, condizione senza la cui sussistenza non può avvenire l’assegnazione di un genitore con prole inferiore ai 3 anni presso una sede di servizio che sia ubicata più vicino al luogo dove il figlio, o la figlia, risiede e dove l’altro genitore esercita la propria attività lavorativa. L’articolo continua sul portale web del SIULM, clicca qui >>>

.

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.