UNIFICAZIONE RUOLI GRADUATI/SERGENTI: per il momento ancora non se ne fa nulla. Ma vediamo la risposta del Ministro ad una interrogazione presentata dall’On. RUSSO.

Roma, 28 mag 2021 – Nota e documentazione. Il Ministro della difesa risponde ai vari atti ispettivi sulle condizioni generali del ruolo dei Graduati. Come si può leggere dai contenuti delle risposte il Ministro chiude ogni ipotesi di unificazione dei ruoli tra i Graduati/ruoli Sergenti e sul concorso bis ex 958 ad esaurimento posti visto che il concorso straordinario ex 958 stanziato con il fondi del riordino non aveva raggiunto il numero previsto

Se il ruolo dei Graduati non avrà sbocchi di carriera rischia – con la Legge 244/2012 – una stagnazione economica, previdenziale, di invecchiamento del personale e soprattutto professionale dal punto di vista dell’impiego come avviene con l’attuale disp. 2938 che non tiene conto di quanto previsto per le qualifiche speciali. Lo dichiara il Segretario Generale Girolamo Foti del Sindacato Itamil Esercito.

Inoltre, il rallentamento delle progressioni delle carriere rallenterà di certo anche il passaggio in servizio permanente dei Volontari dell’Esercito.

C’e’ poi un diffuso sentire comune tra il personale militare che da quando è cambiato il ministro della difesa si nota un certo distacco tra il vertice politico e quello militare della difesa con le rappresentanze sindacali e la base dei militari. Una situazione che sta creando un certo malessere tra i servitori dello stato. E’ il caso che il vertice politico/militare trovi anche il tempo necessario per dialogare con la base e le rappresentanze sindacali dei militari, ormai realta’ concreta all’interno delle FF.AA. Italiane.

SEGUE RISPOSTA DEL MINISTRO A INTERROGAZIONE SU QUESTI DELICATI ARGOMENTI, DI INTERESSE DEL PERSONALE DEL RUOLO GRADUATI.

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.