Vietato chiedere ai colleghi se sono vaccinati: ecco perché nemmeno il datore può farlo

Roma, 10 giu 2021 – Ai colleghi e ai dipendenti non si possono chiedere informazioni che riguardano il vaccino contro il Covid-19, salvo in specifici casi indicati dalla legge.

Vaccinarsi contro il coronavirus, infatti, non è obbligatorio e non è previsto il licenziamento per coloro che non si sono prenotati e non intendono farlo.

A fugare ogni dubbio sul vaccino ci ha pensato il Garante della Privacy con una circolare emanata lo scorso febbraio: la scelta di fare o non fare il vaccino rientra tra le informazioni personali e riservate, per questo i colleghi e i vertici aziendali non possono obbligare un dipendente/collega a rilasciare dichiarazioni o certificazioni.

Diversa è invece la posizione del medico competente in azienda, come spiegheremo di seguito……

CONTINUA A LEGGERE MONEY.IT>>>>>

 
 
 

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.