ITAMIL: TUTELIAMO  LA  SALUTE DEI MILITARI SENZA METTERE A RISCHIO IL POSTO DI LAVORO

Roma, 20 giu 2021 – Al Signor Ministro della Difesa On. Lorenzo GUERINI. Per conoscenza:

Capo di Stato Maggiore della Difesa
Gen.C.A. Enzo VECCIARELLI

Capo di Stato Maggiore dell’Esercito
Gen.C.A. Pietro SERINO

Signor Ministro,

nella giornata del 16 giugno 2021 si è tenuto una riunione del Cocer Interforze (Esercito, Marina Militare, Aeronautica Militare, Carabinieri e Guardia di Finanza) per esprimere un parere in merito alla bozza della nuova direttiva per la gestione delle condizioni di eccesso ponderale.

Il Sindacato Itamil Esercito auspica che il vertice militare e politico tenga conto anche del parere delle varie organizzazioni sindacali riconosciute con l’assenso ministeriale.

Riteniamo che l’argomento merita una platea più ampia per valutare con attenzione la circolare proposta dall’amministrazione e scongiurare ogni eventuale rischio che potrebbe colpire tantissimi colleghi dopo oltre vent’anni di onorato servizio che non avrebbero garanzie per il mantenimento del proprio status di militare.

Solo attraverso un confronto costruttivo tra le parti sociali, l’amministrazione, esperti in medicina legale, avvocati esperti in diritto del lavoro, i responsabili al servizio prevenzione e protezione in materia di sicurezza del lavoro, possono valutare prima di ogni altra cosa la questione delle patologie quali dipendenti da causa di servizio riscontrate durante la fase di procedimento di verifica del monitoraggio sanitario, nell’ipotesi in cui le stesse patologie risultassero riconducibili a rischi professionali per via di certi ambienti o condizioni di lavoro non a norma in tema di sicurezza. La lettera completa continua sul portale ITAMIL, clicca qui >>>

.

 

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

One thought on “ITAMIL: TUTELIAMO  LA  SALUTE DEI MILITARI SENZA METTERE A RISCHIO IL POSTO DI LAVORO”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.