La Segreteria Regionale SINAFI Lazio esprime vicinanza al Poliziotto indagato a Roma e auspica una rivisitazione della normativa di settore

Roma, 24 giu 2021 – Sembrerebbe un qualsiasi ed ordinario sabato di inizio estate a cui si approcciano le tante colleghe ed i tanti colleghi di tutte le Forze dell’Ordine, impegnati a tutelare l’ordine e la sicurezza pubblica nelle nostre città.

In pochissimi secondi l’ordinarietà viene però sopraffatta dalla straordinarietà di un evento di cui si é reso attore protagonista un ragazzo ghanese, peraltro noto alle forze dell’ordine per ulteriori atti di violenza compiuti in passato, il quale in preda ad una crisi di pura follia, brandendo un coltello minacciava l’incolumità di chiunque gli capitasse accanto.

L’immediato intervento di questi nostri colleghi, oltre ad evidenziare la drammaticità di quei momenti interminabili, ha posto in evidenza la loro assoluta fermezza grazie alla quale è stato possibile gestire al meglio i violenti intenti del protagonista di questa vicenda.

L’ormai noto epilogo dei fatti ha visto il ferimento del violento aggressore, reso inoffensivo da un operatore della Polizia di Stato, intervenuto unitamente ai suoi colleghi il quale, verosimilmente, ritenendo di non poter fare altro che difendersi e difendere l’incolumità degli altri dall’ennesimo tentativo di attacco, ha attinto il pericoloso aggressore con un colpo esploso dalla propria arma in dotazione.

Fortunatamente le condizioni di salute dell’assalitore non hanno destato particolari preoccupazioni, circostanza questa che gli consentirà quindi di difendersi in un giusto processo che sarà conseguenza delle fattispecie delittuose messe in atto.

Sembrerebbe essersi concluso tutto per il verso giusto. Sembrerebbe.

Attualmente, invece, il nostro collega della Polizia di Stato risulta indagato per eccesso colposo nell’uso legittimo delle armi. Un atto dovuto, come si suol dire in queste circostanze, che consentirà di esperire una serie di accertamenti a garanzia del collega indagato. L’articolo completo continua sul portale web del SINAFI, clicca qui >>>

.

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.