I militari italiani lasciano gli Emirati Arabi Uniti

Roma, 8 lug 2021 – I militari italiani hanno lasciato la base di al-Minhad, negli Emirati Arabi Uniti.  Sul sito della Difesa per ora non se ne trova traccia, forse per pudore o forse per non acutizzare ulteriormente i gravi dissapori con il ministero degli Esteri, i cui vertici politici portano il fardello della responsabilità più grave per la crisi apertasi tra l’Italia e le principali potenze arabe: Emirati Arabi Uniti, Arabia Saudita ed Egitto.

Crisi determinata dallo stop all’export di prodotti per la Difesa che sta causando gravi conseguenze nei rapporti bilaterali politici, militari e commerciali.

La più immediata ha visto il 2 luglio la chiusura della base italiana all’aeroporto di al-Minhad, negli Emirati Arabi Uniti, vero e proprio pilastro logistico per il supporto alle missioni nazionali in Iraq, Corno d’Africa e a quella appena conclusasi in Afghanistan.

Il centinaio di militari dell’Aeronautica presenti ad al-Minhad ha sgomberato la base il 2 luglio, giorno in cui è scaduto il termine imposto da Abu Dhabi all’Italia per lasciare la base situata vicino a Dubai.

Dopo il decollo dell’ultimo C-130 italiano da al-Minhad negli Emirati sono rimasti una ventina di militari alloggiati in hotel ad Abu Dhabi per sbrigare le ultime pratiche amministrative.

Per il supporto alla missione in Iraq, dove Roma assumerà il comando della NATO Training Mission che addestrerà le truppe di Baghdad, verrà potenziato l’uso della base aerea di Ali al Salem, in Kuwait, che già ospita i droni Reaper, i cacciabombardieri Tornado e il tanker KC-767A italiani assegnati alle operazioni della Coalizione anti-Isis.

CONTINUA A LEGGERE ANALISIDIFESA.IT>>>>>

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.