Percentuali pensionistiche e ricalcolo pensioni militari. Ora si e’ materializzata una sperequazione tra il personale appartenenti al Comparto Difesa/Sicurezza.

Roma, 18 lug 2021 – UN APPROFONDIMENTO A CURA DEL SINDACATO DI POLIZIA SIULP. Con la circolare numero 107 del 14 luglio 2021, visionabile nell’apposita sezione del nostro sito, l’INPS ha recepito quanto stabilito dalla sentenza delle Sezioni Riunite numero 1 del 2021 che ha, di fatto, dato una lettura definitiva della disciplina in materia di pensione per il personale del comparto difesa e per alcune figure assimilate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza).

Oggetto del contenzioso è se la quota retributiva di una pensione liquidata con il sistema misto, in favore di un militare che sia cessato dal servizio con oltre 20 anni di anzianità e che al 31 dicembre 1995 vantava un’anzianità utile ricompresa tra i 15 ed i 18 anni, debba essere calcolata invariabilmente in misura pari al 44% della base pensionabile (ex articolo 54 del TU 1092/1973) oppure se tale quota retributiva debba essere determinata sulla base dell’effettivo numero di anni di anzianità posseduti al 31 dicembre 1995, con applicazione del relativo coefficiente per ogni anno utile ( ex articolo 44 del TU 1092/1973). L’articolo completo continua sul portale web del SIULP, clicca qui >>>

.

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

One thought on “Percentuali pensionistiche e ricalcolo pensioni militari. Ora si e’ materializzata una sperequazione tra il personale appartenenti al Comparto Difesa/Sicurezza.”

  1. … e c’è anche il discorso dei meno 15, non sono anch’essi militari? Allora perchè gli deve essere applicata l’aliquota dei civili?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.