Il Nuovo sindacato carabinieri vuole chiarezza sulla morte del luogotenente Zappatore

Roma, 21 ago 2021 – Il Nuovo sindacato carabinieri ha chiesto di aver accesso agli atti relativi alla morte del luogotenente Antonio Zappatore, già comandante della Stazione carabinieri di Pieve di Teco (Imperia) e trovato impiccato nella sua abitazione di Valcona il 15 ottobre del 2019.

La morte di Zappatore, dopo una breve inchiesta, era stata archiviata come suicidio, ma ora il sindacato dell’Arma vuole vederci più chiaro e analizzare gli atti depositati in Tribunale, che hanno portato all’archiviazione del caso.

 Uno dei fratelli di Zappatore, Gianluca, appoggia l’iniziativa per fare piena luce sulla terribile vicenda
La richiesta del Nuovo sindacato carabinieri trova il pieno appoggio da parte di Gianluca Zappatore, uno dei fratelli del luogotenente. In molti, infatti, conoscendo Antonio Zappatore, stentano a credere che possa aver davvero compiuto un gesto così estremo e risultano poco comprensibili anche le motivazioni che lo avrebbero spinto a questa terribile decisione (FONTE>>>>>).

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.