Green pass, Liguori: “Poliziotti e Carabinieri? Figliuolo deve chiamarli e vaccinarli”

Roma, 18 ott 2021 – Il direttore di Tgcom24 a “Stasera Italia”: “Le stiamo trasformando in Forze del dubbio, ma sono Forze dell’ordine: sono lo Stato. “Poliziotti e carabinieri? Quando ho fatto il militare, ci fecero un siringone grande così nel petto: tetravalente di vaccini per il tifo. Nessuno chiedeva a un militare se potevano non fare il vaccino”. Così il direttore di Tgcom24, Paolo Liguori, commenta a “Stasera Italia” i dati sulle forze dell’ordine ancora sprovviste di Green pass: “Lo vorrei dire al Generale Figliuolo: poliziotti e carabinieri li deve convocare lui e vaccinarli”. 

“Loro sono servitori dello Stato – prosegue Liguori – rappresentano lo Stato e hanno il dovere di controllare gli altri. Quindi vanno vaccinati, senza introdurre l’obbligo vaccinati per i normali cittadini. A forza di discutere stiamo trasformardo le forze dell’ordine in forze del dubbio“. Fonte: tgcom24.mediaset

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

3 thoughts on “Green pass, Liguori: “Poliziotti e Carabinieri? Figliuolo deve chiamarli e vaccinarli””

  1. Ha parlato l’ex sessantottino di LC. Certo che il giornalismo in Italia, ha raggiunto davvero dei livelli imbarazzanti! In Corea del Nord almeno hanno una scusante!

  2. Al Dottor Paolo Liguori

    Egregio dottor Liguori, le scrive, dall’Abruzzo, un operatore della Polizia Stradale di 45 anni, con alle spalle 25 anni di servizio, svolto sempre su strada, di giorno, di notte, al freddo al gelo, con la pioggia o con l’afa estiva…. Sono stato in prima linea fin da quando il covid è entrato a far parte del nostro quotidiano, sono stato impiegato in servizi di chiusura e filtraggio nelle zone rosse della nostra regione, ho acquisito più di 2000 autocertificazioni e fortunatamente, probabilmente anche grazie alle mille accortezze adottate, sono sempre stato negativo al covid-19. Non sono assolutamente un no-vacs, sono padre di due bambine totalmente vaccinate e, la più grande, è stata anche sottoposta al vaccino (facoltativo) per il papilloma virus HPV. Quindi, ad oggi, penso di avere tutto il diritto di poter scegliere se vaccinarmi o no…..dal 15 di ottobre e rigorosamente a mie spese, mi sottopongo a tamponi semi quotidiani ; Io ho la certezza di recarmi sul posto di lavoro assolutamente negativo, certezza che, come lei ben sa, non può essere garantita dai miei colleghi vaccinati da 1, 2 o più mesi…. Lei sa benissimo che per entrare in qualsiasi studio televisivo o per effettuare qualsiasi tipo di intervista non basta essere vaccinati ma è richiesto un tampone rapido..!!!!…. Tutti sanno che il vaccino assolutamente non blocca la contagiosità, ma può solo attenuare i sintomi in caso di contagio…. Quindi , mi permetta, il suo articolo è completamente fuori luogo…… Ogni giorno, su strada ed in ogni controllo, contrariamente da quanto da lei asserito, garantisco agli utenti la massima sicurezza e l’assoluta certezza della mia negatività….. Caro dottor Liguori è evidente che dopo la sconfitta della Roma nel derby e nella partita di ieri sera, con la Juve, le sue Note capacità intellettive, ne abbiano pesantemente risentito…….. Ma non sì abbatta, in fondo avete ancora la Conference League…..e giovedì ci sarà una partita importantissima con la Longobarda……

  3. La curva dei contagi in Italia a differenza di altri Paesi europei, non schizza. Questo lo dobbiamo, a mio parere, a chi si é vaccinato – fermo restando che non condivido il green pass da vaccinato. L’articolo in contesto va letto con le pinze, i militari non possono riconoscere certi ordini rivolti da un giornalista e quindi é una richiesta del tutto fantasiosa e provocatoria. Sarebbe stato giusto che il vaccino veniva reso obbligatorio per tutti per legge – ma ci sono alcuni vincoli che si scontrano con la nostra Costituzione, vincoli europei che coinvolgono anche il nostro Paese. Poi se vogliano parlare di libertà, penso che chi si é sottoposto alla vaccinazione – seppure sperimentale – ma basata già su esistenti studi decennali per altre grave epidemie, ha dato un notevole contributo affinché si riacquistasse la libertà lavorativa, di movimento, sanitaria, scolastica, sportiva etc, reclusa da oltre un anno e mezzo, questa é la vera conquista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.