No Green Pass, boom di certificati di malattia: +111,5%. Il CODACONS va in Procura: «E’ truffa aggravata». SCATTERA’ ORA UNA INDAGINE?

.padovaoggi.itRoma, 22 ott 2021 – SARA’ MAGARI SOLTANTO UNA COINCIDENZA CON L’INIZIO DEI PRIMI FREDDI. Se cosi’ non sara’, risulterebbe singolare che coloro che contestano il GREEN PASS quale strumento che “limita la liberta’ individuale” poi decidono di “marcare visita” mettendosi volontariamente in look down, e sottoposti a visita fiscale e senza poter uscire quindi da casa! Rimane per noi un mistero di tutto questo. Quindi non ci rimane che pensare che sicuramente la questione verra’ chiusa perche’ l’aumento delle malattie risulteranno vere.

SEGUE ARTICOLO DI STAMPA DI padovaoggi.it SULLA QUESTIONE SOLLEVATA DAL CODACONS.

Il coordinamento ha deciso di fare chiarezza sull’enorme crescita delle certificazioni per malattia presentate dai lavoratori dal 15 ottobre. Numeri che potrebbero realizzare veri e propri reati come il falso ideologico

Il boom di certificati per malattia presentati dai lavoratori in Veneto dal 15 ottobre – data di ingresso delle norme sul Green pass – ad oggi, finisce al vaglio delle Procure della Repubblica di Venezia, Padova, Verona, Treviso, Vicenza, Rovigo e Belluno. Il Codacons ha deciso infatti di fare chiarezza sull’abnorme crescita delle certificazioni per malattia presentate dai lavoratori della regione a far data dal 15 ottobre, numeri che potrebbero realizzare veri e propri reati, come quello di falso ideologico e truffa aggravata. L’ARTICOLO COMPLETO CONTINUA QUI >>>

.

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.