Il Garante della Privacy ha inviato una segnalazione al Parlamento Europeo in relazione alle criticità riscontrate nel DL 127/2001, norma con la quale è stato introdotto il contestato obbligo del green pass sul luogo di lavoro

Roma, 17 nov 2021 – Il garante della privacy batte un colpo. L’autorità indipendente per la protezione dei dati personali ha inviato una segnalazione al Parlamento Europeo in relazione alle criticità riscontrate nel DL 127/2021, norma con la quale è stato introdotto il contestato obbligo del green pass sul luogo di lavoro.

Le criticità segnalate dall’authority italiana sono destinate ad aver ripercussioni sul decreto legislativo in fase di conversione ma anche sulle fondamenta stesse della tessera verde.

Il garante segnala nello specifico come “la prevista esenzione dai controlli -in costanza di validità della certificazione verde– rischia di determinare la sostanziale elusione delle finalità di sanità pubblica complessivamente sottese al sistema del Green pass. Esso è, infatti, efficace a fini epidemiologici nella misura in cui il certificato sia soggetto a verifiche periodiche sulla sua persistente validità”.

Sostanzialmente l’authority riconosce il rischio sotteso ad una certificazione “cristalizzata” priva di un monitoraggio continuo, dunque non in grado di soddisfare pienamente la necessaria sicurezza epidemiologica.

Le parole del Garante sembrano dunque confermare la validità del tampone, strumento di monitoraggio hic et nunc, rispetto ad uno strumento, il green pass, basato su una durata di ampio periodo e non verificabile con controlli periodici. L’autorità ha inoltre evidenziato come dal punto di vista della privacy la gestione dei dati inerenti alla tessera verde possano creare delle incompatibilità con le indicazioni europee in materia in particolare come disposto dal Regolamento 48 (UE) 2021/53. L’analisi dell’avvocato Mauro Sandri…(FONTE>>>>>)

GUARDA IL VIDEO SU YOUTUBE>>>>>

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

One thought on “Il Garante della Privacy ha inviato una segnalazione al Parlamento Europeo in relazione alle criticità riscontrate nel DL 127/2001, norma con la quale è stato introdotto il contestato obbligo del green pass sul luogo di lavoro”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.