Brunetta: «Vaccini e basta far finta di lavorare». Smart working, lo stop?

Roma, 4 feb 2022 – L’affondo di Brunetta sul lavoro da remoto. Il ministro della Pubblica amministrazione, Renato Brunetta, coglie immediatamente l’occasione per spingere su un tasto a lui caro: il rientro dei dipendenti pubblici negli uffici. E lo fa schierandosi polemicamente contro «il finto lavoro» di molti – «eccezioni ce ne sono sempre», riconosce – smart workers.

«Il governo – ha detto il ministro intervenendo a una trasmissione di Sky – ha scelto vaccini e presenza, non il chiudersi in casa con il telefonino sulla bottiglia del latte a fare finta di fare smart working. Il lavoro da remoto è stato uno strumento straordinario nel momento emergenziale quando non c’erano i vaccini, come la didattica a distanza per gli studenti».

Però, adesso, è il momento della svolta: «Vaccini con tutti gli strumenti possibili – ha detto Brunetta – stiamo superando la pandemia e abbiamo fatto il record del Pil. Abbiamo gestito al meglio la pandemia, quasi i più bravi in Europa». L’ARTICOLO COMPLETO CONTINUA QUI >>>

.

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.