EX MARESCIALLO DEI CARABINIERI INDAGATO DI OMICIDIO E OCCULTAMENTO DI CADAVERE

Roma, 22 feb 2022 – Una rivelazione choc è stata fatta da un vicebrigadiere dei carabinieri  al processo per la morte della 18enne Serena Mollicone, la giovane di Arce uccisa nel giugno del 2001. Il militare è stato chiamato a deporre in udienza per aver analizzato i file di immagini presenti nella memoria del telefonino sequestrato all’ex maresciallo dei carabinieri, accusato dell’omicidio della Mollicone e di averne poi nascosto il cadavere. Adesso l’ex comandante della caserma di Arce è finito sotto indagine anche per il reato di pedopornografia.

Il procedimento, che è stato avviato dalla procura di Napoli dato che Teano, il comune di cui è originario Mottola, si trova in Campania, è ancora in corso. Durante le indagini per fare chiarezza sulla morte della studentessa della provincia di Frosinone, sul telefono di Mottola sono state trovate delle immagini ritenute dalla procura a sfondo pedopornografico. La rivelazione è stata fatta durante il processo davanti alla Corte d’Assise del Tribunale di Cassino.

CONTINUA A LEGGERE ILGIORNALE.IT>>>>>

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.