ASPMI: Trenitalia non rispetta i Militari

Roma, 17 mag 2022 – ASPMI – I militari sui treni rappresentano un deterrente contro la criminalità e garantiscono la sicurezza per i cittadini, nonché una tranquillità lavorativa per gli operatori dei mezzi su rotaia.

Gli indicatori dei cali dei microcrimini e l’aumento degli indici della sicurezza a bordo dei treni dimostrano che il connubio militari-deterrenza dà, quotidianamente, i suoi frutti.

Diuturnamente assistiamo agli interventi dei militari a bordo dei treni per atti di violenza e per atti intimidatori a danno dei viaggiatori e tante volte sono chiamati proprio ad intervenire dai Capo Treno, attraverso annuncio in tutte le carrozze.

Nonostante questa sinergia a sostegno dell’incolumità dei cittadini e a supporto della sicurezza del Paese, è da diverso tempo che, sebbene le varie sollecitazioni fatte a Trenitalia dagli Organi preposti dell’Esercito, i controllori si ostinano a multare i militari che viaggiano sui treni, rispettando tutte le misure indicate nell’accordo quadro tra il Ministero della Difesa e la società, poiché, ergendosi ad analisti del settore sicurezza nazionale, determinano, in modo proprio, quando un militare è in servizio o meno.

A tal proposito è doveroso appellarci al quadro normativo Nazionale e Regionale il quale rende chiara la dinamica legata alla permanenza dei militari in divisa sui treni, indicando che la facoltà di stabilire se un militare sta viaggiando o meno per motivi di servizio non è a carico dell’Ente Regione, né tantomeno delle aziende che esercitano il servizio di TPL, né a questi di poter stabilire la sussistenza di tale condizione ma la
competenza è degli Enti da cui dipendono i fruitori della Libera Circolazione che attestano il motivo di servizio e indicano quali spostamenti, compiuti dai propri dipendenti, sono finalizzati al servizio. Cosa che puntualmente fa ogni Comando Militare ai propri dipendenti attraverso una apposita dichiarazione.

La cosa che più ci fa rabbrividire è che, nonostante le contravvenzioni ingiuste siano state comunque pagate da tutti i miliari, le rimostranze avanzate dal personale siano state rigettate con motivazioni confuse e soprattutto non in linea con i dettami dell’accordo stipulato tra la Difesa e Trenitalia proprio dal Direttore della Direzione Generale Lazio nonostante gli Uffici preposti dell’Esercito abbiano evidenziato
l’incongruenza.

ASPMI è fiduciosa che tale spiacevole situazione sia riconducibile a taluni soggetti appartenenti a Trenitalia, forse poco informati e legati a retaggi del passato, tali per cui pensano che le donne e gli uomini in divisa delle Forze Armate siano il male assoluto della società e che la sicurezza della Nazione sia l’anteposto dell’anarchia.

Siamo certi, invece, di un rapido intervento da parte del Direttore Generale di Trenitalia, Luigi Corradi, affinché chiarisca con fermezza l’equivoco ai danni dei militari delle Forze Armate che si sono visti attribuire violazioni illecite e hanno dovuto pagare multe ingiuste ed ingiustificabili, proprio in virtù dello spirito di dovere e di rispetto, nonostante l’evidente ingiustizia, verso il proprio Paese.

Roma, 17 maggio 2022

Associazione Sindacale Professionisti Militari Esercito

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

4 thoughts on “ASPMI: Trenitalia non rispetta i Militari”

  1. Scusate la mia ignoranza ma tutti i militari italiani hanno lo stipendio ogni mese e non vogliono pagare nemmeno un biglietto da 2 euro sono, esagerati

  2. Eccoli lì i detrattori e i falsi giustificatori di comportamenti degli altri. Ricordo che le stellette, a prescindere dall’orario di servizio o meno, non si tolgono e il giuramento di fedeltà alla Repubblica e alla Costituzione non risulta essere misurato con l’orario di servizio. Ma vi siete posti una domanda: a quanto ammonterebbero i danni fisici e psicologici di una persona derubata o aggredita ? Ricordo a questi signori che, spesso, i danni vengono pagati, a prescindere, anche dalla collettività perché interessata per vie traverse e quindi con i soldi di tutti. Sarebbe più corretto riflettere prima di fare i leoni da tastiera e, soprattutto, evitare di fare i conti in tasca a qualche graduato per il cui stipendio non mi risulta navigare nell’oro !!! Anzi se proprio lo si voglia fare perché non avete fatto domanda di arruolamento così da avere qualche “beneficio” anche voi invece di criticare e ergervi a giudici di scelte personali ? Forse preferivate farvi portare il caffè a letto da mammina ?
    Un militare in riserva.

  3. L’ultimo commento denota solamente ignoranza e analfabetismo funzionale. Le ricordo che non si sceglie di essere un rappresentante delle forze dell’ordine per i benefit ricevuti, ma per la passione e la voglia di proteggere il paese e far rispettare la legge. L’unico leone da tastiera qui è lei, che fa i conti in tasca alla gente senza sapere nulla e parlando a sproposito. Mi dispiace inoltre dirle che non tutti aspirano ad entrare nelle forze dell’ordine come lei crede e talvolta chi ci entra ha anche dubbi meriti, per cui evitiamo di portare avanti questa discussione inutile. I viaggi di piacere si pagano, stop.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.