“Rimborsi per missioni mai fatte”, condannato carabiniere a restituire 135 mila euro

Roma, 9 giu 2022 – I giudici d’Appello della Corte dei conti hanno confermato la condanna di primo grado nei confronti di un appuntato dell’arma dei carabinieri a restituire circa di 135 mila euro.

In questa somma sono compresi 102 mila euro, relativi a “quanto indebitamente corrisposto al convenuto a titolo di indennità e rimborsi per spese di missione mai sostenute”. Inoltre comprendono anche “quanto non meno indebitamente, al militare infedele ha percepito quale retribuzione, stante l’assenza dal servizio prestato per l’amministrazione di appartenenza”.

I giudici contabili hanno analizzato la documentazione proveniente dal procedimento penale che ancora non è concluso. Il militare in servizio alla stazione di Partinico ha dichiarato di essersi recato in missione a Roma presso la presidenza del Cocer tra gennaio e dicembre del 2016.

CONTINUA A LEGGERE blogsicilia.it>>>>>

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

3 thoughts on ““Rimborsi per missioni mai fatte”, condannato carabiniere a restituire 135 mila euro”

  1. Sarebbe curioso sapere:
    chi (non) ha esercitato la funzione di controllo, demandata alla linea di comando,
    cosa risultasse dai verbali di assemblea del Co.Ce.R.,
    chi liquidava i rimborsi e su disposizione di chi.
    Un sistema che pare colpire solo la punta dell’iceberg, forse perché gli iceberg non sono così rari.

  2. Quanto costa la rappresentanza militare? A cosa è servita in passato e a cosa serve oggi con la presenza dei sindacati?

  3. La rappresentanza esistera’ per altri e sei mesi. Poi e’ soppressa. Se e’ servita? Chi ti avrebbe rappresentato? Erano eletti su voto dei nostri colleghi. Mica ti imponevano i nomi dai vertici militari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.