Le auto di due agenti penitenziari incendiate con bombe molotov. Sappe: “Grave e inquietante episodio”

Roma, 27 lug 2021 – Le auto private di due agenti della polizia penitenziaria in servizio nel carcere femminile di Rebibbia a Roma sono state incendiate a causa un lancio di molotov nel parcheggio dell’istituto di pena.

Il Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria (Sappe) esprime “solidarietà alle due colleghe” ed auspica che si faccia luce sull’episodio che definisce “grave e inquietante“.

“Bisogna chiarire se, come sembra, si è trattato di una vera e propria intimidazione da parte di persone non identificate, che hanno incendiato le auto delle due poliziotte nella notte” dichiara il segretario Generale Donato Capece, che stigmatizza le “molte prese di posizione inneggianti all’odio verso il Corpo di polizia penitenziaria ed i suoi singoli appartenenti da parte dell’area extraparlamentare ed antagonista in tutta Italia”, giunte “dopo le gravi vicende di Santa Maria Capua Vetere”.

CONTINUA A LEGGERE ILFATTOQUOTIDIANO.IT>>>>>

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.