Green Pass, Difesa, mense di servizio, Comellini, (Sindacato dei Militari): una scelta irrazionale che rischia di compromettere le attività della Difesa

Roma, 28 lug 2021 – Il premier Draghi e ministro Guerini dovrebbero spiegarci come potranno fruire del pasto di servizio i militari che hanno scelto di non vaccinarsi? Lo domando perché stando a quanto stabilito dall’ultimo decreto legge del Governo, a partire dal prossimo 6 agosto, questi militari senza il Green Pass non potranno più accedere nei locali chiusi dove viene effettuata la ristorazione, quindi anche nelle mense di servizio. Cosa faranno, metteranno dei tavoli all’aperto, fuori della porta delle mense, con tanto di ombrelloni colorati e una bella recinzione con su scritto “area riservata ai non vaccinati”?

Senza entrare nel merito della dubbia legittimità della scelta del Governo, credo che il provvedimento sia irrazionale e non troverà facile applicazione nelle caserme e negli aeroporti militari perché si correrebbe il rischio di incidere negativamente sulle attività operative della Difesa. L’articolo completo continua qui >>>

.

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

4 thoughts on “Green Pass, Difesa, mense di servizio, Comellini, (Sindacato dei Militari): una scelta irrazionale che rischia di compromettere le attività della Difesa”

  1. A me delle attivita’ della Difesa mi importa una sega, semmai vedessero il problema del vitto del milite altro che ativita’….poi le mense militari non sono attivita’ commerciali aperte al pubblico dove chiunque che paga puo’ andarci, e’ come il servizio in caserma e tutte le operazioni dei militari che cmq devono cmq fare covid o non covidde, basta mettere la mascherina e distanziamente come sempre fatto, la stronzata del green pass serve solo per le attivita’ commerciali e ludiche che possono anche essere evitate e che servono solo a far girare l’economia del futile, le cose mecessarie e di servizio cmq sempre verranno effettuate come quindi il vitto obbligatorio di servizio. I sindacaloidi si facciano meno pippe mentali e pensino alle cose serie e non solo quelle per rompere le palle alla Difesa, e poi ancora al momento sono sinfacati farlocchi e non riconosciuti da una legge.

  2. Ma di cosa parliamo??!…io credo che tutti i dipendenti dello Stato dovrebbero avere L obbligo di vaccinarsi…non solo gli insegnanti…militari, forze di polizia e vigili del fuoco prima degli altri…quando chiediamo il riconoscimento delle nostre “ specificità’ “ dovremmo ricordarci di non ragionare come L uomo della strada che non fa altro che urlare alla “dittatura sanitaria “ per sentirsi libero di non vaccinarsi ma di continuare a fare comunque come gli pare…dimenticando che le proprie “ libertà’” dovrebbero comunque rispettare i diritti degli altri…primo tra tutti quello di CONTINUARE A VIVERE!!!…ricordiamoci dei nostri colleghi deceduti per COVID o finiti intubati in rianimazione!!! …troverei assolutamente giusto che i colleghi che rifiutano il vaccino senza motivi clinici che documentino seri rischi legati all inoculazione dello stesso venissero sospesi dal servizio…al pari degli operatori sanitari no vax…dobbiamo ricordarci sempre che siamo al Servizio del Paese e non gestori di Pub o discoteche!

  3. D’accordo con l’obbligo di siero se il Governo si prende le sue responsabilità.
    Nessun consenso liberatorio alla vaccinazione da parte del singolo cittadino, ma lo stato si assuma la responsabilità su eventuali controindicazioni provocate dal vaccino ( che vaccino non è ) indennizzando gli eventuali sfortunati a medio e lungo termine… solo cosi si può chiedere al popolo di sottoporsi al siero magico ed essere credibili su questa campagna di disinformazione.

    P.S…chi entra in questo giro vizioso ogni 6/9 mesi deve sottoporsi a puntura ????? visto che le certificazioni non durano di più ?

  4. Rispondo con ritardo ad un commento di chi, si qualifica come “Nessuno”…
    Caro Nessuno, infatti, non sei proprio nessuno…. Non so neanche, visto che commenti sul sito “Forze Armate.eu” , se Lei è un militare o un militare con poca esperienza di ogni ordine e grado….Le dico solo una cosa, io ho un nome e cognome…. e quando mi esprimo compare…. Non mi nascondo
    Di me sanno… Sanno che anche io non sono NESSUNO, forse… Anche di lei sanno…. Veniamo al dunque. Forse Lei a poco chiara la situazione. Ho giurato fedeltà come Lei dice… Ho speso la mia vita a difesa… E sempre lo farò.. Fino a quando sarò in servizio. Le dico questo perché sono stato sempre formale come formali dovrebbero essere le istituzioni. Ma, sentire obbligo (quando non vi è obbligo) , imposizione (quando ti costringono a fare quello che non si può fare) , sospensione dal servizio, defilandosi da ogni loro responsabilità, allora Le dico.. Sono sereno, se arriverà quel momento, saprò cosa fare…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.