NEWS / MENSE MILITARI, ORA E’ UFFICIALE: da oggi ci vuole la certificazione verde per entrare a mensa. La circolare prevede forme alternative per la somministrazione del pasto. Alcuni Sindacati sul piede di Guerra. ALL’INTERNO: DIRETTIVA ESERCITO E DIRETTIVA STATO MAGGIORE DIFESA.

Roma, 16 ago 2021 – (Le direttive le trovi a fondo articolo). DOPO UNA SERIE DI CIRCOLARI, A CASCATA, E’ USCITA ANCHE QUELLA PER L’ESERCITO, COME ANCHE LE ALTRE DI AERONAUTICA E MARINA MILITARE. Da oggi 16 agosto 2021 (ma in realta’ per motivi organizzativi sicuramente da domani) senza certificazione verde non si puo’ entrare a mensa.

Attenzione pero’, questo non significa che non spetta il pasto, che non e’ obbligatorio consumarlo, ma e’ obbligatorio per l’amministrazione fornirlo. La somministrazione avverra’ con forme alternative, come anche con posti a sedere messi a disposizione all’aperto (finche’ le temperature lo permetteranno ndr). Ad esempio per la Polizia Penitenziaria e’ stato deciso sotto forma di take away.

Non ci sara’ da meravigliarsi se qualcuno senza green pass consumera’ il pasto qua e la per la caserma.

Chi controllera’ l’accesso a mensa? Di norma dovrebbe essere il personale che gestisce la mensa, con le stesse modalita’ di verifica previsto per i ristoranti ed esercizi commerciali esterni. Ma ovviamente anche chi e’ vaccinato non vedra’ di buon occhio a mensa coloro che si sa essere senza certificato verde.

Molte le organizzazioni Sindacali pronte a dare battaglia, come il Sindacato dei Militari:

COVID: SINDACATO MILITARI,’DENUNCEREMO CHIUNQUE IMPEDIRA’ L’ACCESSO ALLE MENSE’. 

Roma, 16ago. (Adnkronos) – “È un tragicomico balletto quello che stanno facendo i vertici militari riguardo alla questione dell’accesso alle mense di servizio riservato unicamente ai possessori del certificato verde targato Draghi. Tutto questo girotondo – e non vogliamo definirlo in altro modo per non scadere nel turpiloquio – di sali, scendi, di fuori e dentro, di tu sì e tu no, sta ridicolizzando questioni serissime. Non è ammissibile questo comportamento che non tiene in nessun conto la dignità umana dei cittadini in divisa. Spieghino questi illuminati generali se il marinaio Tizio, privo del green pass da domani verrà messo a mangiare il suo pasto appeso fuori dalla nave come un appestato o se il militare impiegato in strade sicure o nelle missioni all’estero dovrà consumare il suo pasto sui gradini della mensa come sono stati costretti a fare e fanno molti poliziotti”. Lo dichiara Luca Marco Comellini, segretario generale del Sindacato dei Militari. “Ci spieghino – sottolinea Comellini – questi illuminati, pronti ad accettare ogni idiozia partorita dalla mente dei tanti prezzolati consulenti e commissari governativi, come pretendono di garantire l’efficienza delle istituzioni militari se poi, con improvvise e repentine giravolte, si prestano a compiere qualsiasi cosa pur di soddisfare le perverse fantasie di un governo che non si sta facendo alcuno scrupolo nel calpestare la dignità di migliaia di lavoratori, nella dichiarata speranza di costringerli a sottoporsi a una vaccinazione non obbligatoria senza però assumersi la responsabilità per gli eventuali danni in caso di insorgenza di non escludibili effetti collaterali. È bastato poco al responsabile della Task Force COVID 19, generale di divisione Massimo Biagini, per cambiare idea e assecondare il diktat del Governo. Eppure, solo lo scorso 12 agosto, lo stesso generale aveva firmato la disposizione che prevedeva una chiarissima deroga per l’accesso alle mense di servizio per il personale sprovvisto di Green pass già prevista dall’articolo 27, comma 4, Dpcm. 2 marzo 2021”. (segue) (Mam/adnkronos) ISSN 2465 – 1222 16-AGO-21 17:47 NNNN

Vedi altro intervento del Sindacato dei Militari, clicca qui >>>


SEGUONO DIRETTIVE UFFICIALI DI OGGI 16/8/2021

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

One thought on “NEWS / MENSE MILITARI, ORA E’ UFFICIALE: da oggi ci vuole la certificazione verde per entrare a mensa. La circolare prevede forme alternative per la somministrazione del pasto. Alcuni Sindacati sul piede di Guerra. ALL’INTERNO: DIRETTIVA ESERCITO E DIRETTIVA STATO MAGGIORE DIFESA.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.