Smart working: “Il lavoro agile non ha garantito i servizi pubblici”

Roma, 9 set 2021 – SA DELL’INCREDIBILE E DELL’ASSURDO ASCOLTARE DIPENDENTI DELLO STATO CHE ABITUATI A LAVORARE IN SMART WORKING NON VORREBBERO PIU’  TORNARE ALLA NORMALITA’. Un lavoro a distanza, da casa, che spesso non e’ di qualita’.

Segue question time alla Camera. Ministro PA Renato BRUNETTA.

Il ministro Brunetta ha risposto a interrogazioni sulle iniziative volte a favorire il lavoro agile nelle pubbliche amministrazioni.

“Lo smart working, che è stata la risposta emergenziale al lockdown tenendo a casa di dipendenti pubblici, può essere pensato come modello per il futuro? Bisogna fare attenzione, perché questa metodologia, costruita dall’oggi al domani spostando l’organizzazione del lavoro pubblico dalla presenza al remoto, a casa, è senza contratto, senza obiettivi, senza tecnologia. È lavoro a domicilio con uso di smartphone e di pc di casa. È senza sicurezza poi, come abbiamo visto col caso del Lazio. È quindi un lavoro a domicilio all’italiana. Ecco, pensare di proiettare questo tipo di organizzazione nata nell’emergenza, nel futuro, questo mi sembra un abbaglio – sottolinea Brunetta -. Abbiamo il Pnrr, abbiamo cambiato il modo di fare i concorsi pubblici, questa è modernità, il futuro, non un lavoro a domicilio”.

“Il lavoro agile non ha garantito i servizi pubblici”

“Occorre fare chiarezza – aggiunge Brunetta -, lo smart working è stata la risposta emergenziale al lockdown tenendo a casa di dipendenti pubblici. Si potevano mettere in Cig come è stato fatto nel privato, invece si è preferito lo smart working. Idea intelligente, ma il lavoro agile non ha affatto garantito i servizi pubblici essenziali, quelli li hanno garantiti i lavoratori della sanità, della sicurezza, della scuola. I lavoratori in smart working non hanno affatto garantito questi servizi”.

“Il lavoro da remoto ha funzionato laddove era già regolato”

“Quello che gli analisti hanno evidenziato è che il lavoro da remoto ha funzionato durante il lockdown laddove era già regolato, strutturato, con una piattaforma digitale già esistente. Poi se è così fantastico il lavoro da remoto, perché cittadini e imprese sono tutti arrabbiati leggendo sugli uffici periferici degli enti pubblici e provati ‘chiuso per smart working’? Io ho cambiato i concorsi pubblici, li ho resi digitali, stiamo lavorando all’interoperabilità delle banche dati, al cloud, a una base informatica digitale per essere in sicurezza, e voi volete proiettare un bricolage all’italiana nel futuro? Il futuro è dentro il Pnrr, in quel 6% di crescita del paese che ha bisogno della Pa in presenza, regolata, garantita in sicurezza con un contratto”, ha concluso Brunetta.

Puoi ascoltare anche il video del question time, clicca qui >>>

.

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.