Carabiniere che uccise le due figlie e ferì la moglie. Indagati la psicologa militare e il suo medico personale “non doveva avere la pistola”

Roma, 27 sett 2021 – Due medici  sono indagati per omicidio colposo. Il carabiniere che il 28 febbraio del 2018 ha sparato ferendo la moglie e ha ucciso le loro due figlie di sette e tredici anni, non era nelle condizioni di avere con sé una pistola.

Si tratta della psicologa militare e del suo medico personale. La Procura  vuole capire le responsabilità a loro carico e il perché gli sia stata rilasciata la certificazione di idoneità a detenere l’arma. Il militare infatti al tempo in cui sono accaduti i tragico fatti che hanno portato al delitto si trovava in uno stato psicologico instabile e aveva già aggredito sua moglie.

Per questo motivo la pistola gli era stata tolta, poi ridata, e chi indaga vuole chiarire il motivo sia avvenuta la restituzione, dato che l’arma è stata utilizzata per compiere una strage famigliare. Da chiarire dunque le responsabilità a carico dei due medici che lo hanno visitato.

CONTINUA A LEGGERE FANPAGE.IT>>>>>

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.