I militari “No Green Pass” dopo il lavoro dovranno pagare anche per dormire e andare in bagno. Dalla mezzanotte di ieriscattato il divieto di accesso agli alloggi di servizio.

Roma, 16 ott 2021 – È evidente che i vertici militari sono alla frutta. Nell’ansia da prestazione che stanno vivendo in queste ore, pur di riuscire ad assecondare i diktat del Governo, sono disposti a superare anche i limiti della decenza.
Se dalla mezzanotte di ieri ai militari senza green pass verrà impedito di accedere ai propri alloggi di servizio per riposare ed espletare quelle essenziali funzioni fisiologiche e di igiene personale oltre a denunciare i fatti alle autorità giudiziarie non ci resta altro che invitarli tutti a scendere in piazza per rivendicare i loro diritti e la loro dignità con ogni mezzo lecito, contro ogni forma di discriminazione e violenza attuata dal Governo.
Lo dichiara Luca Marco Comellini, Segretario Generale del Sindacato dei Militari commentando le recenti disposizioni volte ad impedire ai militari sprovvisti di Green Pass l’accesso agli alloggi di servizio.

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

8 thoughts on “I militari “No Green Pass” dopo il lavoro dovranno pagare anche per dormire e andare in bagno. Dalla mezzanotte di ieriscattato il divieto di accesso agli alloggi di servizio.”

  1. Per AleD…perché non ci illumini tu su quali sono i compiti dei militari??…siamo all’assurdo…gente che parla di cose che non conosce affatto…ma tanto di questi tempi è di moda…su internet puoi imparare tutto…aboliamo anche la scuola…a che serve se ci sono tutti questi tuttologi??

  2. servire la patria? io normale cittadino in epoca di pandemia ho fatto la mia parte, mi sono vaccinato, io come tantissimi altri, e i risultati sono davanti agli occhi di chi invece vuole fare il prezioso e sparlare di libertà e costituzione. è una vergogna per l’arma, liberissimi di cambiare mestiere perché non all’altezza. facile capirlo, se non lo si vuole capire è un altro problema. finiamola di confondere e fare un minestrone di porcherie spacciate per libero pensiero.

  3. Per AleD…giusto per intendersi…stai parlando con qualcuno che il vaccino l’ha fatto spontaneamente e senza nessuna costrizione, ma per parlare di quali sono i nostri doveri dovresti conoscere a fondo le nostre regole senza sparare bordate facili…qua troppa gente in abiti borghesi vorrebbe insegnare la propria idea di senso del dovere a chi queste due parole le deve ricordare bene ogni giorno…comunque puoi stare certo che tra di noi chi commette errori la paga.
    Ma quali sono i nostri doveri ce lo dicono la Costituzione e i nostri regolamenti, non certo i “ like” su internet…puoi anche consultarli…sempre su internet….TESTO UNICO DI ORDINAMENTO MILITARE …E REGOLAMENTI DEI CORPI DI POLIZIA A ORDINAMENTO CIVILE( vari ).

  4. facciamo a capirsi, una sensibilità civica e umana normali vietano di essere no green pass. visto che chi serve nelle forze dell’ordine è per definizione in salute, non ha senso che ci siano tra loro no green pass, visto che andrebbe contro il minimo sindacale richiesto per svolgere quel lavoro. non mi pare ci sia altro da aggiungere, a meno di voler perdere tempo nel tergiversare, ma no, grazie.

  5. Io sono pro vaccini e pro green pass, ma bisogna ammettere che all inizio delle vaccinazioni diversi colleghi sono morti inaspettatamente e altri hanno subito danni gravi, quando forse sarebbe bastato subordinare la vaccinazione a delle opportune analisi ematiche per evitare queste tragedie.
    Molta gente è spaventata e i controlli che si fanno regolarmente sul nostro stato di salute sono ridicoli, tant’è vero che la Sanità militare ha bloccato in almeno due occasioni la vaccinazione, perché non sapevano che pesci prendere. Altro che le chiacchiere da bar.

  6. Si sapeva che su miliardi di inoculazioni alcuni purtroppo non c’è l’avrebbero fatta. Succede anche se dai uno stesso medicinale a milioni di persone. Per non parlare che molti muoiono anche a cena al ristorante per aver mangiato cose allergiche per lui mortali. Come molti muoiono per una puntura di vespa. Quindi c’è poco da meravigliarci. Sono dati che la scienza si aspettava. E non è il vaccino che fa male x altrimenti saremo morti tutti. Ma si tratta di persone che non lo hanno tollerato.

  7. Team…ma infatti io ho precisato che sono a favore della vaccinazione…anzi la vedrei bene obbligatoria.
    Ma all inizio della stessa ci sono stati due stop ben documentati anche da direttive degli stati maggiori e non averla resa obbligatoria genera dubbi e paure, anche se non per il sottoscritto e tanti altri, almeno in parte comprensibili.
    Del resto non è certo la prima volta che militari e forze dell’ ordine fanno da apripista, un po’ allo sbaraglio, per cose che un civile può obiettare molto più facilmente.
    Il punto su cui ho da ridire al Sig. AleD e con lui altri, che hanno parlato di militari “ troppo pasciuti” e “ non all’altezza di servire il Paese”, è costituito dal fatto che troppa gente spara sentenze conoscendo nulla o ben poco del nostro mondo, dei nostri doveri e meno ancora dei nostri diritti.
    Dal momento che tutti, per fortuna, possono accedere ad internet, sarebbe intelligente da parte di costoro andarsi a leggere Leggi e Regolamenti che NOI siamo tenuti ad osservare 24 ore su 24 per 365 giorni l’anno, DPCM compresi!
    Tra la gente in uniforme no fax, benché io non ne faccia parte, ci sono tantissimi uomini e donne che hanno sempre fatto il loro dovere e non per questo vanno additati per nullafacenti o contestatori perenni, anche se è giusto che si assumano le loro responsabilità per rifiutare anche i tamponi, cosa che comunque sta avvenendo.
    Comunque sia, le attuali misure ( allontanamento dal servizio e dagli alloggi collettivi, nonché sospensioni dal servizio per comportamenti inappropriati al proprio status…come riportano le news della Polizia di Stato, di qualche giorno fa ) dimostrano che “da noi” le regole si applicano e che c’ è una catena gerarchica che se ne occupa debitamente.
    La libertà di espressione esiste, ma dovrebbe essere accompagnata dalla conoscenza degli argomenti di cui si discute, altrimenti diventa solo chiacchiericcio da commari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.