CONTROLLO DELLA PANDEMIA, IN AUMENTO LE PRIME DOSI DEL VACCINO / Obbligo Green Pass, il Commissario straordinario per l’emergenza Covid-19 Generale di Corpo d’Armata Francesco Paolo FIGLIUOLO: “69 mila prime dosi, dati in crescita”.

Roma, 17 ott 2021 – Un approfondimento di T.U.. L’USCITA TOTALE DALLA PANDEMIA NAZIONALE E MONDIALE DEVE PASSARE PER FORZA DALLA VACCINAZIONE DI QUASI TUTTI I CITTADINI. Se la volontarieta’ non basta, ci potra’ essere anche l’obbligo. Non ci sono altre strade possibili. Prima di curare la malattia bisogna prevenirla. E lo Stato deve tutelare la salute di tutti: dei vaccinati e di chi non si vuole vaccinare. E il vaccino ci sta’ regalando un periodo di bassa circolazione del virus con riaperture di tutto cio’ che prima era chiuso, rendendoci una vita quasi normale. Al virus, dei no-vax da covid 19 non interessa nulla, perche’ nulla fanno per contrastarlo; anzi al virus gli sono piu’ utili dei vaccinati per replicarsi con piu’ facilita’.

Bene quindi lo strumento italiano del super green pass per accedere al posto di lavoro. Uno strumento reso legale per Legge  che spingera’ molti indecisi a vaccinarsi, anche se il Governo gli ha lasciato piena liberta’ di scelta, optando per il tampone, anziche’ per il vaccino e garantendogli una serie di diritti, tipo:

– il mantenimento del posto di lavoro in caso di assenze ingiustificate saltuarie o prolungate;

– nessuna infrazione disciplinare;

– nessuna sospensione dal servizio;

– e’ previsto il rientro immediato al lavoro se uno si procura il green pass;

– il riconoscimento delle ferie se gia’ in assenza ingiustificata;

– il riconoscimento della malattia se gia’ in assenza ingiustificata.

Quindi per ora non si puo’ parlare di nessuna imposizione vaccinale, ma di una serie di scelte, prese dalla scienza e adottate dalla politica alla luce dell’emergenza sanitaria mondiale in atto e sotto gli occhi di tutti, che il lavoratore sprovvisto di green pass puo’ sempre fare.

IL RUOLO DEL SINDACATO, COMPRESO QUELLO MILITARE
Un ruolo difficile da conciliare perche’ si trovano a difendere uno sparuto numero di iscritti NO-VAX COVID-19 rispetto alla stramaggioranza degli iscritti che si sono vaccinati regolarmente e volontariamente, e che per moltissimi di loro nulla interessa della posizione dei NO-VAX da COVID-19. Anzi, per le loro assenze dovranno lavorare anche di piu’ e sopperire ai turni con meno presenti. Quindi non c’e’ sicuramente molta simpatia tra i vaccinati. Le dimostrazioni di piazza certificano poi il flop delle loro iniziative tese a condizionare il Governo e nel contempo creano anche disagi ai cittadini, alle prese col covid. 

L’unica cosa condivisibile che chiedono i sindacati, fermo restando che sono quasi tutti a favore della vaccinazione e in linea con le scelte scientifiche, potrebbe essere quella di concedere i tamponi gratuiti a carico dello Stato o almeno piu’ calmierati; perche’ gia’ sono calmierati a 15 euro anziche’ 22 euro.

T.U.


Segue articolo di RAINEWS.IT
Si tratta di oltre diecimila somministrazioni in più rispetto al venerdì precedente.

Prosegue positivamente la campagna vaccinale: secondo il primo aggiornamento di stamattina, sono già 69 mila circa le prime somministrazioni effettuate ieri, data di entrata in vigore dell’obbligo del Green pass nei luoghi di lavoro. Confrontando il dato giornaliero con quello di venerdì scorso, quando le prime dosi avevano raggiunto quota 58.661, si registra un differenziale di oltre diecimila somministrazioni.

Lo sottolinea la struttura commissariale all’emergenza Covid guidata dal generale Francesco Paolo Figliuolo.

Il numero totale di persone che hanno ricevuto almeno una dose di vaccino ha superato quota 46 milioni, dato pari all’85,41% della platea vaccinabile, costituita dagli over 12. I vaccinati completi (con due dosi) sono invece 43,74 milioni, pari a circa l’81% della platea. Il numero totale di somministrazioni – secondo l’aggiornamento di stamattina – ha superato 87,3 milioni. L’ARTICOLO COMPLETO LO TROVI QUI >>>

.

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.