In malattia per evitare il green pass, l’Inps: «Resteranno senza stipendio». ECCO COME MUOVERSI SENZA INCORRERE IN PENALIZZAZIONI

Roma, 21 ott 2021 – ORA CI SONO ANCHE I FURBETTI DEL CERTIFICATO MEDICO? dal corrieredelveneto.corriere.it – Chi sperava che l’impennata di certificati medici del 15 ottobre, data di entrata in vigore del green pass obbligatorio sul posto di lavoro, fosse soltanto una fiammata di protesta potrebbe restare deluso. I dati generali dell’Inps parlano, per la giornata di lunedì, di un ulteriore 10 per cento in più di certificati di malattia. Più di tremila.

Che, va detto, si sommano a quelli del 15 ottobre i quali, con tutta probabilità hanno una validità che sconfina anche nella settimana in corso. Non basta, è ormai chiaro che la malattia, se segue la «cacciata» dal posto di lavoro per mancanza di certificazione verde, non ha valore alcuno. Non verrà pagata e si resterà nel limbo di un’assenza ingiustificata dal lavoro pari all’aspettativa senza retribuzione. Per uscire da questo stallo, il lavoratore dovrà presentarsi al lavoro con regolare green pass spezzando così la fase di sospensione. L’ARTICOLO COMPLETO CONTINUA QUI >>>

.

.

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.