USMIA: NON POSSIAMO VOLTARE LE SPALLE AL PERSONALE SANITARIO MILITARE ARRUOLATO PER L’EMERGENZA COVID, AI SENSI DELL’ART. 7 DEL DECRETO LEGGE 17 MARZO 2020 N. 18

Roma, 29 ott 2021 – USMIA. Lo scorso anno, tra i vari provvedimenti d’urgenza emanati dal Governo è stato previsto, con il D.L. 17 marzo 2020, il reclutamento straordinario di medici e infermieri in ferma, da impiegare per il contrasto all’emergenza pandemica che ha investito pesantemente il nostro Paese.

Si tratta di professionisti altamente qualificati che hanno operato nell’ambito delle Forze Armate fornendo il proprio prezioso contributo anche a favore della popolazione civile, attraverso la partecipazione alle varie attività messe in campo dalla Difesa, per l’installazione di strutture campali, l’accoglienza e la cura di pazienti, il soccorso e i trasporti d’urgenza, lo svolgimento delle campagne vaccinali.

A seguito di una attività così importante, i cui risultati sono stati unanimemente apprezzati e riconosciuti da tutti, tali Ufficiali medici e Marescialli infermieri in ferma saranno purtroppo, in mancanza di appositi provvedimenti di proroga, collocati in congedo il 31 dicembre p.v..

Si tratta di professionalità che hanno oramai acquisito esperienze e capacità tecnico – operative, grazie alle quali potrebbero essere ancora di aiuto al Paese e alla stessa Organizzazione sanitaria militare potendo sopperire alle numerose carenze organiche oggi esistenti. L’ARTICOLO COMPLETO CONTINUA QUI >>>

.


NON POSSIAMO VOLTARE LE SPALLE AL PERSONALE SANITARIO MILITARE ARRUOLATO PER L’EMERGENZA COVID, AI SENSI DELL’ART. 7 DEL DECRETO LEGGE 17 MARZO 2020 N. 18

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.