OLANDA – la Polizia spara sui cittadini contrari al lockdown

Roma, 19 nov 2021 – DAL SITO ILPARAGONE.IT – Tanto tuonò che piovve e così arrivano i primi manifestanti feriti durante una manifestazione contro il lockdown. È avvenuto pochi minuti fa nel centro di Rotterdam dove la polizia ha fatto fuoco ferendo almeno due persone.

A comunicarlo le stesse forze dell’ordine: «Abbiamo sparato colpi di avvertimento e ci sono stati anche colpi diretti perché la situazione era pericolosa per la vita. Ci sono stati feriti in seguito agli spari di avvertimento».

Era la prima manifestazione di questo tipo indetta per protestare contro le misure volute dal governo olandese per far fronte alla supposta ripresa dei contagi. A quel punto la tensione sarebbe cresciuta fino a che i cittadini in corteo al grido di “libertà, libertà” avrebbero lanciato oggetti contro la polizia che a sua volta avrebbe fatto fuoco ferendo due cittadini inermi e forse uccidendone uno secondo quanto riportato da fonti Twitter.

In un altro video diffuso sui social si vede effettivamente un manifestante colpito, giacere immobile sull’asfalto contornato da gente che tenta di rianimarlo, ma è difficile dire quali siano state le conseguenze della ferita. Al momento le autorità non hanno comunicato nessun decesso. 

I VIDEO DEGLI SCONTRI E DEI MANIFESTANTI FERITI>>>>>

CONTINUA A LEGGERE ILPARAGONE.IT>>>>>>

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

3 thoughts on “OLANDA – la Polizia spara sui cittadini contrari al lockdown”

  1. Ma lo fanno per il nostro bene…perché il siero magico funzionicchia! Come previsto, si palesa lo spirito filantropica e democratico del neoliberismo sanitario.
    Torno a ripetere, io due domande inizierei a farmele in considerazione che nelle TI ci sono prevalentemente benedetti dal siero magico!

  2. @nessuno (di nome e di fatto), capisco che nel reparto “casi umani” tu possa sentirti solo ma…fattene una ragione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.