Trattato del “Quirinale” verso la firma. AD OGGI SAPPIAMO POCO DI QUESTO ACCORDO. Per conoscerlo bisognera’ attendere l’approvazione del Parlamento

Roma, 20 nov 2021 – Dopo quattro anni dall’iniziativa di Gentiloni e con gli alti e bassi tra Italia e Francia, la prossima settimana Macron sarà a Roma per firmare l’intesa. Ecco i (pochi) dettagli e i passaggi successivi. Da Bloomberg a Reuters, anche le principali testate e agenzie internazionali leggono l’atteso Trattato del Quirinale che verrà firmato la prossima settimana, in occasione della visita a Roma del presidente francese Emmanuel Macron, come una mossa di Italia e Francia per non farsi trovare impreparate all’inizio dell’era europea post Angela Merkel, che a inizio dicembre dovrebbe passare il testimone, dopo 16 anni alla guida della Germania, a Olaf Scholz.

I temi dell’accordo sono tenuti sotto il massimo riserbo.Tanto che anche il Parlamento ne è all’oscuro. Perfino il Copasir, il comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica che, come ricorda MF, lo scorso anno puntò un faro su eventuali mire francesi verso le banche italiane. Il passaggio parlamentare del Trattato appare in ogni caso inevitabile. Infatti, spiega una fonte diplomatica a Formiche.net, si tratta di un vero e proprio trattato internazionale di natura politica, dunque la ratifica, alla luce dell’articolo 80 della Costituzione, richiede un atto del Presidente della Repubblica che deve essere autorizzato con una legge del Parlamento e controfirmato dal governo. L’ARTICOLO CONTINUA QUI >>>

.

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

2 thoughts on “Trattato del “Quirinale” verso la firma. AD OGGI SAPPIAMO POCO DI QUESTO ACCORDO. Per conoscerlo bisognera’ attendere l’approvazione del Parlamento”

  1. Un trattato maccarone e draghetto…tutto nello stretto riserbo e in barba al popolino ignorante! Dalla crisi libica passando per la cessione di mare pescoso alla espropriazione della vetta del Monte Bianco (senza contare i continui voltafaccia dei “cugini” in favore dei tedeschi), io ci sento puzza di “fregatura”! Di questi tempi, trattative segrete hanno un unico risultato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.