LA PROPOSTA DEL SINDACATO S.I.A.M.O.-ESERCITO SULL’OBBLIGO VACCINALE IMPOSTO DAL GOVERNO: NECESSARIO IL RICONOSCIMENTO DELLA CAUSA DI SERVIZIO

Roma, 1 dic 2021 – Il Sindacato Italiano Autonomo Militare Organizzato Esercito (S.I.A.M.O. Esercito) in occasione dell’entrata in vigore del Decreto Legge 26 novembre 2021, n.172, che ha introdotto l’obbligo vaccinale anche per il personale del comparto Difesa dal 15 dicembre prossimo, ha provveduto ad inviare ai Presidenti dei gruppi parlamentari di Camera e Senato, alcune criticità inerenti il DL.

Difatti secondo questa O.S. pare incomprensibile come a seguito dell’introduzione dell’obbligo vaccinale per queste categorie, non si preveda il diritto all’indennizzo e al relativo riconoscimento della causa di servizio per legge a questo personale, in caso di reazioni avverse a seguito del citato trattamento sanitario obbligatorio. Riteniamo inoltre che l’inserimento di queste misure di tutela influirebbero positivamente, alleviando i dubbi del personale che teme conseguenze per la propria salute.

Chiediamo quindi ai Parlamentari di Camera e Senato di valutare in fase di conversione in legge del DL la presentazione di emendamenti per l’inserimento di una previsione normativa per il riconoscimento dell’indennizzo e della causa di servizio in caso di reazioni avverse e della possibilità di avviare uno screening sugli anticorpi sviluppati del personale vaccinato, prevedendo di prolungare la validità del Green Pass per quei soggetti, che dimostrino di possedere adeguata copertura anticorpale da Sars-Cov-2.

SIAMO Sempre al tuo fianco!

IL DIRETTIVO NAZIONALE
S.I.A.M.O. Esercito

 


Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

One thought on “LA PROPOSTA DEL SINDACATO S.I.A.M.O.-ESERCITO SULL’OBBLIGO VACCINALE IMPOSTO DAL GOVERNO: NECESSARIO IL RICONOSCIMENTO DELLA CAUSA DI SERVIZIO”

  1. Non ci posso credere, a distanza di quasi due anni qualcuno parla di screening anticorpali.
    Molti sono positivi agli IGg (per aver contratto il Covid o a seguito dei vaccini) e non riesco a capire perchè, per avere il Green Pass, ci si debba per forza vaccinare.
    Ci sono tante persone che sono risultate positive agli anticorpi dopo le analisi senza aver avuto il minimo sintomo e senza mai aver avuto colleghi e/o parenti positivi al Covid.
    Purtroppo attualmente è un esame che costa una trentina di euro al laboratorio di analisi.
    In questo modo si eviterebbe di fare i vaccini inutilmente e ci si concentrerebbe solo alle persone senza anticorpi.
    In Italia, manca un controllo capillare della situazione sanitaria delle singole persone.
    Così come manca (o viene omessa!) un situazione chiara dei sintomi causati dal vaccino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.