Il “piano di screening” dei militari a scuola. Nessuno li ha mai visti

Roma, 20 dic 2021 – Nessun dirigente scolastico ha visto i militari annunciati a inizio mese dal generale Francesco Figliuolo per potenziare lo screening nelle scuole. Nessun alunno ha fatto un tampone grazie all’esercito, la campagna di testing e tracing non ha subito alcun cambiamento nelle ultime settimane.

Le Asl restano in affanno e l’inversione di tendenza tanto auspicata non è arrivata, almeno a sentire il numero uno dell’Associazione nazionale presidi, Antonello Giannelli. I contagi a scuola aumentano, ma l’operazione “Athena” messa in campo dal Commissario straordinario per l’emergenza a sentire i capi d’istituto sembra aver fatto un buco nell’acqua.

Il primo dicembre, con una nota, lo staff di Figliuolo aveva annunciato un “piano di intervento di screening riguardante le scuole, mirato ad incrementare l’attività di verifica rapida di eventuali casi di infezione da Sars-CoV2 all’interno di classi/gruppi, e facilitare il proseguimento dell’attività didattica in presenza.

Secondo il piano, il sistema di tracciamento in atto delle Regioni/Province autonome verrà potenziato grazie ad assetti militari prontamente resi disponibili dal ministro della Difesa Lorenzo Guerini e coordinati dal Comando operativo di vertice interforze”.

CONTINUA A LEGGERE ILFATTOQUOTIDIANO.IT>>>>>

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.