VITTIME DEL DOVERE. L’Unione Sindacale Italiana Finanzieri conferisce a Caroli Giuseppe,  Appuntato della Guardia di Finanza, l’incarico di Responsabile Nazionale Gruppo Professionale di supporto “Vittime del Dovere”.

Roma, 18 gen 2022 – COMUNICATO STAMPA. VITTIME DEL DOVERE, PISCOZZO (USIF) NOMINA GIUSEPPE CAROLI RESPONSABILE NAZIONALE DEL GRUPPO PROFESSIONALE DI SUPPORTO.

VINCENZO PISCOZZO, Segretario Generale dell’associazione professionale a carattere sindacale USIF – Unione Sindacale Italiana Finanzieri conferisce a Caroli Giuseppe, Appuntato della Guardia di Finanza, l’incarico di Responsabile Nazionale Gruppo Professionale di supporto “Vittime del Dovere”.

Il prestigioso incarico è stato conferito a Roma il 13 gennaio scorso.

Caroli, tarantino e residente nel comune di Monteiasi (TA), è un militare appartenente al Gruppo della Guardia di Finanza di Taranto, già riconosciuto nel 2017 con Decreto del Capo della Polizia, Dott. Franco Gabrielli, Vittima della Criminalità, ex legge 388/2000, art. 82.

Avrà il delicatissimo compito di coadiuvare tutte quelle attività preliminari, necessarie per poter accedere a quei diritti solidaristici dedicati agli operatori della Guardia di Finanza di tutta Italia (come previsto dalla legge di riferimento n. 266/05, art. 1 commi 563 e 564 e dpr 243/06, nonché già a tutti gli altri operatori di polizia e altri dipendenti pubblici) deceduti o che abbiano subìto un’invalidità permanente in attività di servizio, o nell’espletamento delle funzioni di istituto, per effetto diretto di lesioni riportate in conseguenza di eventi verificatisi:

– nel contrasto ad ogni tipo di criminalità;
– nello svolgimento di servizi di ordine pubblico;
– nella vigilanza ad infrastrutture civili e militari;
– in operazioni di soccorso;
– in attività di tutela della pubblica incolumità;
– in attività di prevenzione e di repressione dei reati.

L’incarico di caratura nazionale, andrà a rafforzare i diritti di tutti i Finanzieri quali l’USIF da sempre ha ritenuto preminenti per il benessere di tutti i militari del Corpo e delle loro famiglie.

“Tale passaggio è indispensabile – riferisce Piscozzo – per dare piena attuazione di quei diritti costituzionalmente protetti, nell’ottica di una piena e futura sindacalizzazione delle donne e degli uomini che vestono la gloriosa uniforme della Guardia di Finanza, impegnati quotidianamente nel complesso perimetro operativo affidato al Corpo, quale quello al contrasto all’evasione fiscale, alla corruzione, il controllo della spesa pubblica, la lotta alla criminalità, sia di matrice organizzata che comune, la tutela dei confini nazionali e la polizia marittima che, in sinergia con il datore di lavoro, garantirà i diritti dei lavoratori con le ‘stellette’ “.

.

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.