INTERNO / Completata l’anagrafe elettronica nazionale di tutti i cittadini. In un unico database i dati di 67 milioni di italiani, residenti all’estero compresi

Roma, 19 gen 2022 – E’ VERO CHE SI TRATTA DI MAGGIORI SERVIZI UTILI E COMODI FRUIBILI DAI CITTADINI DIRETTAMENTE DA CASA. Ma e’ indubbio che con l’incrocio delle varie banche dati nessuno sfugge ai controlli.

Tutto nasce dalle comodita’ e dalle abitudini che poi rendono facili i tracciamenti: prima gli istituti di credito tradizionali messi in collegamento tra di loro con l’informatica, poi la carta di credito, poi il bancomat, poi arrivo’ il telefono analogico portatile, poi i pc, poi internet e la linea dati, poi i social, poi il telepass, poi il tablet, poi lo smart phone, poi l’uso del codice fiscale per gli scontrini parlanti e altri pagamenti tracciati (comprese le ricariche delle carte di debito), poi il wifi, poi le telecamere, poi i televisori smart, poi ci manca ancora l’abolizione del contante (ora il limite e’ stato abbassato a 1000 euro), e nessuno potra’ piu’ nascondere nulla a nessuno.

Il prossimo passo sara’ anche la PEC (posta elettronica certificata) obbligatoria attribuita d’ufficio a tutti e nessuno sfuggera’ alle notifiche di vario genere (la notifica si intende compiuta anche se non si va a guardare la casella pec).

SEGUE ARTICOLO AGI
Completata l’anagrafe elettronica nazionale. In un unico database i dati di 67 milioni di italiani, residenti all’estero compresi

I dati di 67 milioni di cittadini italiani (compresi i residenti all’estero) inseriti in un database unico e sicuro. Con il subentro del comune siciliano di San Teodoro – informa online il Viminale – si è completato il percorso per portare tutti i Comuni italiani dentro l’Anagrafe nazionale della popolazione residente (Anpr).

Da martedì gli italiani residenti nei 7.903 comuni del Paese e quelli all’estero iscritti all’Aire possono verificare e chiedere l’eventuale correzione dei propri dati anagrafici, stampare certificati e fruire dei servizi disponibili online.

I servizi sono accessibili dal sito www.anagrafenazionale.interno.it, disponibile anche all’indirizzo www.anagrafenazionale.gov.it. 

Dal 15 novembre 2021 sul portale dell’Anagrafe nazionale è possibile scaricare 14 tipologie diverse di certificati digitali, dalla nascita al matrimonio, in maniera autonoma e gratuita accedendo con la propria identità digitale: il Sistema pubblico di identità digitale, la Carta di identità elettronica e la Carta nazionale dei servizi. Se la richiesta è per un familiare verrà mostrato l’elenco dei componenti della famiglia anagrafica per cui è possibile richiedere un certificato. Nei prossimi mesi saranno aggiunti ulteriori servizi per il cittadino, come le procedure online per effettuare il cambio di residenza. L’ARTICOLO COMPLETO CONTINUA QUI >>>

.

 

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.