L’INGHILTERRA RIMPROVERA A JOHNSON DI AVERE EVACUATO ANIMALI DA KABUL PRIMA DEGLI ESSERI UMANI

Roma, 27 gen 2022 – Fu il premier britannico Johnson ad autorizzare personalmente l’evacuazione dall’Afghanistan di decine di cani e gatti, che erano ospitati in un rifugio per animali gestito da un connazionale, operatore umanitario, a Kabul.

L’evacuazione, dopo giorni di appelli di associazione animaliste, avvenne nelle ore caotiche in cui dall’Afghanistan cercavano di uscire migliaia di afghani, in fuga dai talebani e il fatto che fosse stato data priorità al volo di animali mentre venivano lasciati a terra gli afghani che avevano aiutato le truppe britanniche aveva fatto storcere il naso a molti. Ora si scopre che fu il premier stesso a volere che l’evacuazione fosse gestita addirittura dal team ‘casi speciali’:

«Il premier stesso ha autorizzato l’evacuazione del personale e degli animali», scrisse il 25 agosto un funzionario del ministero degli Esteri, al culmine del ponte aereo da Kabul. L’email e’ stata resa pubblica dalla commissione Affari esteri della Camera dei Comuni.

Peccato che il premier avesse assicurato di non aver avuto alcun ruolo nella vicenda: nel dicembre scorso, il premier sostenne che «era una sciocchezza totale» l’idea che fosse intervenuto per fare evacuare gli animali e che non aveva avuto “alcuna influenza” su quel caso. E lo stesso aveva assicurato il ministro della Difesa, Ben Wallace, secondo cui «in nessun momento» Johnson aveva detto di intervenire per aiutare il trasferimento degli animali della ong Nowzad e del suo personale. (FONTE>>>>)

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.