L’ASPMI ha incontrato in videoconferenza i propri rappresentanti. Il consolidamento della struttura e della governance si celebreranno democraticamente nella prima assemblea nazionale.

Roma, 27 feb 2022 – Nella giornata venerdi 25 febbraio  si è tenuto in video conferenza un primo incontro tra i rappresentanti di ASPMI.

Sono stati invitati alcuni giornalisti e testate on-line tra cui il nostro blog.

Il direttivo di ASPMI ha illustrato, in prima battuta, i principi fondatori della sigla sindacale, ribadendo che ASPMI è un’Associazione tra Professionisti Militari a Carattere Sindacale, riconosciuta dal Ministro della Difesa. La sua costituzione rappresenta il punto di partenza di un percorso già considerato storico. È questa la direzione intrapresa da ASPMI: essere vicina a tutti i militari e seguire le vicende evolutive dell’Amministrazione.

Il consolidamento della struttura e della governance si celebreranno democraticamente nella prima assemblea nazionale. Oggi, ASPMI ha scelto la strada del consenso partecipato, pertanto ritiene che, per essere punto di riferimento, non sia necessario il pagamento di una quota associativa. Pratica che verrà posta in essere allorquando una Legge fisserà le prerogative delle Associazioni a carattere sindacale e i limiti delle quote relativi alle tessere sindacali.

Successivamente, si è dato modo agli invitati di poter porre alcune domande. Tra le tante ci è soffermati sul prossimo rinnovo contrattuale 2022-2024 e sull’eventuale possibilità di partecipazione delle sigle sindacali, maggiormente rappresentative, al tavolo delle trattative.

La risposta non ha esitato a tardare. La voglia di poter rappresentare i propri tesserati e tutto il personale militare ad un tavolo negoziale, e non più concertativo, è tanta. Il vero nocciolo del disegno di Legge, ormai calendarizzato per il mese di marzo alla Camera dei Deputati, è proprio incentrato sul ruolo negoziale che assumeranno le sigle sindacali. La modifica, ormai necessaria, del Decreto Legislativo n.195 del 1995 darà il potere di firma al pari dei sindacati delle Forze di Polizia ad ordinamento civile. Da qui ne conseguirà un vero e proprio tavolo negoziale che vedrà in prima fila i rappresentati sindacali e non più la sola Amministrazione, come avviene al momento. L’auspicio è quello di vedere scomparire definitivamente l’obsoleta Rappresentanza Militare e dare spazio al futuro.

Le domande che si sono succedute sono state svariate e le risposte precise e puntuali. Si è spaziato dalla mancata richiesta di prelevamento di denaro di ASPMI ai propri simpatizzanti agli approfondimenti sull’attuale disegno di legge in materia di associazionismo militare.

L’incontro è stato proficuo e di alto spessore. Il direttivo è di formazione elevata e lo si è ben compreso negli approfondimenti ai quesiti posti con dissertazioni anche di carattere filosofico-sindacale.

Nel congedare i partecipanti, ASPMI ha annunciato a breve anche la partecipazione di ulteriori consulenti di settore che porteranno, alla sigla sindacale e ai futuri tesserati, la propria expertise sia politica che militare.

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.