Covid, Figliuolo: “Il 31 marzo passo la mano, penso di aver fatto la mia parte”

Roma, 14 mar 2022 – Il generale degli alpini ha deciso di lasciare l’incarico come commissario straordinario allo scadere dello stato di emergenza. Sull’Ucraina ha aggiunto: “Seguiamo l’evolversi della situazione”
Figliuolo ha aggiunto di aver “visto cose belle e cose meno belle”. Ma per lui l’esperienza è finita: “Basta così. Sono un tecnico e voglio rimanere un tecnico”, ha aggiunto.

Per quanto riguarda l’Ucraina ha spiegato: “Sin dall’inizio della crisi sfociata in una guerra di aggressione l’Italia ha monitorato la situazione e la Difesa ha incrementato le misure di sorveglianza e vigilanza. C’è un’interlocuzione continua con Guerini e Cavo Dragone con cui seguiamo costantemente l’evolversi della situazione”.

“A livello della Nato – ha osservato – sono state date tutte le predisposizioni per mettere in campo i piani graduati di risposta. Questo ci pone in una fase di deterrenza. Abbiamo incrementato tutto il nostro dispositivo e la prontezza delle nostre forze terrestri, aeree e navali.

Per esempio abbiamo raddoppiato il dispositivo di vigilanza aerea in Romania e messo in campo le misure di risposta alla crisi così come arrivano per il tramite del consiglio dell’alleanza atlantica e del comandante supremo della Nato. Questo dal punto di vista militare”. <<<FONTE>>>

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.