Ammiraglio Cavo Dragone: “I russi hanno perso 15mila soldati nella guerra in Ucraina”

Roma, 24 mar 2022 – La Russia ha inviato 200mila soldati tutti di zone remote della Russia – C’è chi stupisce del fatto che le forze armate di Mosca, con 200mila uomini siano tenuti in scacco cosi’ a lungo.

Ma l’ufficiale – che ha parlato in audizione alle commissioni Difesa di Camera e Senato – ha una spiegazione: “I russi – ha detto – stanno combattendo una guerra d’invasione.

Putin ha usato truppe che venivano da lontano, in modo che non ci fosse vicinanza con l’Ucraina, e la Bielorussia non entra in campo proprio per questo motivo. Lo ha fatto – ha sottolineato – anche per ragioni di ‘info-warfare’: si cerca di non dare notizie alle famiglie su quello che sta succedendo. Se si calcola che per ogni morto ci sono almeno 10-15 persone che lo piangono, si vede che il numero di persone colpite da quello che avviene è abbastanza alto”.

Soldati giovani e poco motivati – Si tratta inoltre, ha aggiunto, “di militari giovani e poco motivati, mentre gli ucraini combattono per casa propria. Questi sono fatti determinanti”.

E l’Italia ha rafforzato la sua presenza sul fianco est della Nato, “aumentando – ha riferito Cavo Dragone – gli Eurofighter in Romania, ora sono 8; in Lettonia abbiamo 250 uomini e nell’area sud tre navi. Sono poi pronte ad essere mobilitate 1.350 unità della task force di elevata prontezza dell’Alleanza, con 500 incursori, 77 mezzi terrestri, 2 navi e 5 aerei”. <<<FONTE>>>

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

One thought on “Ammiraglio Cavo Dragone: “I russi hanno perso 15mila soldati nella guerra in Ucraina””

  1. mah … fonte che vai propaganda che trovi:

    “Ministero della Difesa russo: l’aviazione ucraina e il sistema di difesa aerea sono stati quasi completamente distrutti, la Marina del Paese ha cessato di esistere
    Sono stati colpiti 16 principali aeroporti militari, sono stati distrutti 39 arsenali, dove veniva immagazzinato fino al 70% di tutte le scorte di equipaggiamento militare ucraino.
    In un mese le perdite delle truppe ucraine ammontano a circa 30mila persone, di cui oltre 14mila morti e circa 16mila feriti.
    1.587 dei 2.416 carri armati e altri veicoli corazzati da combattimento ucraini sono stati distrutti.
    Sono stati distrutti: 112 dei 152 aerei militari, 75 dei 149 elicotteri, 35 dei 36 droni Bayraktar TB2, 148 dei 180 S-300 e Buk M1, 117 dei 300 radar.
    Con la complicità della dirigenza ucraina, il paese è diventato un rifugio per 6.595 mercenari e terroristi stranieri provenienti da 62 stati. Loro non sono soggetti alle regole della guerra, saranno eliminati senza pietà.
    Purtroppo, durante l’operazione militare speciale, ci sono perdite tra i nostri compagni. Ad oggi, sono morti 1.351 militari, 3.825 sono rimasti feriti.”

    @Giorgio Bianchi Photojournalist

    1350 ad ora è già un ‘bel’ numero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.