Spaccio e corruzione: 11 carabinieri sospesi dopo le rivelazioni del pentito

Roma, 29 apr 2022 – E’ un vaso di Pandora inquietante quello aperto a Latina dalle dichiarazioni di un ex confidente delle forze dell’ordine, oggi pentito di giustizia: 11 carabinieri indagati sono il frutto di un racconto dettagliato le cui conseguenze per i militari, almeno sul piano professionale, si sono tradotte per ora nella sospensione dagli incarichi operativi.

Sarà il tribunale del riesame di Roma a stabilire l’eventuale arresto dopo il diniego del gip del tribunale di Latina avvenuto nel marzo scorso. Decisione che ha visto la procura di Latina opporsi, a fronte di una indagine delicata e complessa, ma a quanto pare ricca di elementi che potrebbero confermare il quadro descritto dal confidente, che riceveva droga in cambio delle soffiate offerte ai carabinieri per concludere operazioni contro il crimine.

E non solo: decine i capi di imputazione a carico dei militari indagati per corruzione, concussione, falso e spaccio. Un brutto film nel quale i protagonisti sono tre ufficiali dell’Arma e i loro sottoposti, che avrebbero lucrato sugli stupefacenti «regalati» al confidente chiedendo in cambio i proventi dello spaccio.

CONTINUA A LEGGERE CORRIERE.IT>>>>>

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

One thought on “Spaccio e corruzione: 11 carabinieri sospesi dopo le rivelazioni del pentito”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.