Non tutti gli Ufficiali hanno una giusta predisposizione all’azione di Comando, “basta incarichi di comando a ignoranti in materia”

Roma, 29 apr 2022 – Comunicato stampa – L’Unione Sindacale Italiana Carabinieri (USIC), in una lettera aperta indirizzata al Comandante Generale dell’Arma, esprime “preoccupazione su parte della scala gerarchica, la cui poca conoscenza delle norme si riverbera in disagi per il personale. 

Non tutti gli Ufficiali hanno una giusta predisposizione all’azione di Comando ed obbligarli per Legge o direttive interne ad ottemperare a questo, porterà l’Arma dei Carabinieri ad una moltitudine di procedimenti amministrativi, che noi vogliamo evitare ma che Lei, dall’alto della Sua autorevolezza, può eludere con norme ancora più chiare o anche evitando di riconoscere incarichi di comando agli ignoranti in materia”. 

Il riferimento della lettera inviata al Comandante generale è a talune direttive (verbali e scritte) a livello di Comando Provinciale/Compagnia (Emilia Romagna) che riguardano la pianificazione e la fruizione di licenze tra i militari. 

“Nell’attesa che la legge sulla sindacalizzazione ci consenta di poter intervenire con più determinazione sull’argomento, attraverso una concertazione della materia, ma principalmente ricorrendo al Giudice Amministrativo per sanare le ingiustificate irregolarità – prosegue la missiva – le chiediamo di portare in essere ogni utile accorgimento per ammaestrare la sua scala di comando discendente ad una corretta applicazione delle norme, nonché ad un controllo certosino per evitare tali incresciosi inconvenienti, chiarendo nel contempo cosa si intende per servizi necessari ed esigenze di servizio non altrimenti assolvibili, così come ha già provveduto ad intervenire sulla regolamentazione del lavoro straordinario che per tanti Comandanti era un’appendice al lavoro ordinario, stravolgendo di fatto le norme di Legge”. <<<FONTE>>>

Seguici in tempo reale sul nostro canale e gruppi/chat TELEGRAM - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Visita la nostra pagina Facebook, metti un "LIKE" per rimanere aggiornato>>>

One thought on “Non tutti gli Ufficiali hanno una giusta predisposizione all’azione di Comando, “basta incarichi di comando a ignoranti in materia””

  1. I Sindacati, per quanto stiamo nascendo con le mani legate, ancora non capiscono che l’ impegno del personale, ufficiali compresi, non può essere di loro competenza, come avviene, parzialmente, nel modo privato e nelle amministrazioni pubbliche.
    Così facendo, danno Ancor più forza a coloro che intendono tenerli al guinzaglio.
    Quando capirete che i militari sono dei servitori dello Stato e non degli impiegati, forse la considerazione del vostro operato sarà vista con sguardo meno diffidente.
    Nel frattempo state danneggiando chi vorreste rappresentare, come se già non bastassero i danni perpetrati dalla rappresentanza militare, ad ogni livello.
    Esiste ed esistera’ sempre la gerarchia militare, che piaccia o non, con le sue diramazioni specifiche, a giudicare chi è idoneo o meno a rivestire ogni grado e quindi ogni incarico, compresi quelli di comando.
    Ciò vale non solo per gli ufficiali, ma anche per i sottufficiali e graduati.
    Voglio anche ricordarvi che nessun lavoratore può scegliersi “i capi”, tantomeno con i sindacati e sicuramente non possono farlo i militari.
    Iniziate a rappresentare i nostri veri problemi, sicuramente quelli stipendiali e previdenziali, ma anche di equipaggiamento, addestramento e logistici e lasciate perdere aspetti che non sono compatibili col nostro status, non facendolo sarete causa voi stesso del vostro fallimento e quindi di tanti altri danni a carico di chi spera in voi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.